Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Risultati ricerca per "Attacco ischemico transitorio"

Gli agonisti dei recettori gamma attivati dai proliferatori dei perossisomi ( PPAR-gamma ) sono farmaci insulino-sensibilizzanti utilizzati per il trattamento della insulino-resistenza. Oltre alla r ...


La terapia antipiastrinica intensiva con tre agenti potrebbe essere più efficace del trattamento suggerito dalle lineeguida per la prevenzione di eventi ricorrenti in pazienti con ischemia cerebrale a ...


Lo studio POINT ha mostrato che la combinazione di Clopidogrel ( Plavix ) e Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) può ridurre il rischio di eventi ischemici maggiori tra i pazienti con ictus ischemico m ...


Ticagrelor ( Brilinta, Brilique ) più Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ] è associato a un tasso più basso di alta reattività piastrinica durante il trattamento, rispetto a Clopidogrel ( Plavix ) più ...


La terapia immediata con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) dopo un TIA ( attacco ischemico transitorio ) riduce il rischio di recidiva precoce. Il rischio di una forma grave di ictus è molto alto ...


Il tasso a 90 giorni di ictus, infarto miocardico, o morte è stato pari al 6.7% con Ticagrelor ( Brilique ) contro il 7.5% con Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ) ( hazard ratio, HR=0.89, IC 95%, 0.78 ...


L’impiego immediato dell'Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) potrebbe ridurre notevolmente il rischio di ictus maggiore nei pazienti che hanno presentato eventi minori nei giorni precedenti. L'Aspi ...


Nove anni dopo la dimissione, la sopravvivenza dei pazienti ospedalizzati con un attacco ischemico transitorio ( TIA ) è risultata del 20% inferiore a quella attesa nella popolazione generale. Prim ...


Nove anni dopo la dimissione, la sopravvivenza dei pazienti ospedalizzati con un attacco ischemico transitorio ( TIA ) è risultata del 20% inferiore a quella attesa nella popolazione generale. Prim ...


I risultati finali dello studio CLOSURE I, randomizzato e controllato, non hanno evidenziato benefici dalla chiusura del forame ovale pervio ( PFO ) riguardo a TIA ( attacco ischemico transitorio ) o ...


E’ stato scoperto che nei pazienti che hanno sofferto di un ictus minore o attacco ischemico transitorio ( TIA ), il Clopidogrel ( Plavix ) può non ridurre il rischio di ulteriori eventi ictali in col ...


Il rischio di ictus può non essere abbastanza grande da giustificare l’impianto carotideo di uno stent durante l’occlusione dell’arteria carotide. E’ stato analizzato il rischio derivante dalla pro ...


I pazienti con un recente attacco ischemico transitorio ( TIA ) o ictus ischemico vertebro-basilare e stenosi dell'arteria vertebrale di almeno il 50% presentano un alto rischio di ictus vertebrobasil ...


È stata studiata l'associazione tra leucoaraiosi e rischio a lungo termine di recidiva di ictus aggiustando per punteggi clinici sviluppati e validati per la previsione del rischio di ictus, come CHAD ...


La leucoaraiosi è associata a un aumentato rischio di ictus, ma il meccanismo di base rimane incerto, così come le associazioni con altri fattori di rischio, come la malattia carotidea. È stato determ ...