Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Terapia antipiastrinica con Aspirina, Clopidogrel e Dipiridamolo versus Clopidogrel da solo o Aspirina e Dipiridamolo in pazienti con ischemia cerebrale acuta


La terapia antipiastrinica intensiva con tre agenti potrebbe essere più efficace del trattamento suggerito dalle lineeguida per la prevenzione di eventi ricorrenti in pazienti con ischemia cerebrale acuta.
Sono state confrontate la sicurezza e l'efficacia della terapia antiaggregante intensiva ( Aspirina [ Acido Acetilsalicilico ], Clopidogrel e Dipiridamolo combinati ) con quella della terapia antipiastrinica basata sulle lineeguida.

È stato condotto lo studio clinico, TARDIS, prospettico, randomizzato, in aperto, con endpoint in cieco, nei partecipanti adulti con ictus ischemico o attacco ischemico transitorio ( TIA ) entro 48 ore dall’insorgenza.

I partecipanti sono stati assegnati a ricevere dosi di carico e 30 giorni di terapia antiaggregante intensiva ( Aspirina 75 mg, Clopidogrel 75 mg e Dipiridamolo 200 mg combinati 2 volte al giorno ) oppure terapia basata sulle lineeguida ( comprendente Clopidogrel da solo o Aspirina e Dipiridamolo combinati ).

La randomizzazione è stata stratificata per Paese ed evento indice e minimizzata con fattori prognostici di base, uso di farmaci, tempo alla randomizzazione, fattori correlati all'ictus e trombolisi.

L'esito primario era l'incidenza e la gravità combinate di qualsiasi ictus ricorrente ( ischemico o emorragico valutato utilizzando la scala Rankin modificata ) o TIA entro 90 giorni.

Sono stati reclutati 3.096 partecipanti ( 1.556 nel gruppo terapia antiaggregante intensiva, 1.540 nel gruppo terapia antiaggregante secondo le linee guida ) da 106 ospedali in 4 Paesi tra il 2009 e il 2016.

Lo studio è stato interrotto precocemente su raccomandazione del Comitato di sorveglianza.

L'incidenza e la gravità dell'ictus ricorrente o TIA non differivano tra terapia intensiva e secondo le lineaguida ( 93 partecipanti, 6%, vs 105, 7%, odds ratio aggiustato comune, cOR 0.90; P=0.47 ).
Al contrario, la terapia antiaggregante intensiva era associata più sanguinamenti e più gravi ( cOR aggiustato 2.54; P minore di 0.0001 ).

Tra i pazienti con recente ischemia cerebrale, la terapia intensiva antiaggregante non ha ridotto l'incidenza e la gravità di ictus o TIA ricorrenti, ma ha aumentato significativamente il rischio di sanguinamento maggiore.
La tripla terapia antipiastrinica non deve essere utilizzata nella pratica clinica di routine. ( Xagena2018 )

Bath PM et al, Lancet 2018; 391: 850-859

Neuro2018 Farma2018


Indietro