Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Vorapaxar non produce benefici nei pazienti con ictus ischemico


Una sottoanalisi ha mostrato che nei pazienti con una storia recente di ictus ischemico, l’aggiunta dell’antiaggregante sperimentale Vorapaxar alla terapia standard per la prevenzione secondaria non ha avuto alcun effetto sugli eventi vascolari, e ha prodotto un aumento del sanguinamento.

Nello studio TRA-2°P-TIMI 50, il tasso di mortalità cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus durante il follow-up è stato del 13% tra coloro che hanno ricevuto Vorapaxar in aggiunta alla terapia standard antiaggregante e 11.7% tra coloro che hanno ricevuto la sola terapia standard ( hazard ratio, HR=1.03 ).

Oltre alla mancanza di benefici, è stato riscontrato un maggior rischio di sanguinamento moderato-grave ( 4.2% vs 2.4%, HR=1.93 ) e di emorragia intracranica ( 2.5% vs 1%, HR=2.52 ).

I risultati non sono sorprendenti. Ad eccezione della associazione Acido Acetilsalicilico a basso dosaggio più Dipiridamolo, nessuna combinazione antiaggregante ha dimostrato di essere efficace a lungo termine nella prevenzione secondaria dell'ictus.

I dati di fase II avevano indicato che Vorapaxar era efficace, e presentava un accettabile profilo di sicurezza quando veniva impiegato nei pazienti con ictus ischemico acuto.

La fase III dello studio TRA-2°P-TIMI 50 aveva valutato l'aggiunta di Vorapaxar alla terapia antiaggregante standard in 26.449 pazienti con una storia di infarto miocardico, ictus ischemico, o arteriopatia periferica.
Vorapaxar aveva ridotto significativamente gli eventi vascolari nella intera popolazione, ma a scapito di un aumento dei tassi di sanguinamento moderato-grave, inclusa la emorragia intracranica.

Il rischio di sanguinamento era risultato particolarmente elevato per i pazienti con una storia di ictus ischemico, prima e durante lo studio, e il Data and Safety Monitoring Board aveva raccomandato l'interruzione del trattamento in tutti i pazienti dopo un periodo medio di 2 anni di follow-up.

L'attuale analisi pre-specificata ha valutato l'effetto del farmaco su 4.883 pazienti con una storia di ictus ischemico da 2 settimane a 12 mesi prima dell’arruolamento.

In questo sottogruppo, la terapia antipiastrinica di base consisteva di solo Acido Acetilsalicilico nel 54% dei pazienti, Acido Acetilsalicilico più Dipiridamolo nel 19%, una tienopiridina da sola nel 16%, Acido Acetilsalicilico più una tienopiridina nel 7%, e Dipiridamolo da solo nello 0.6%.

Quando aggiunto alla terapia di base, Vorapaxar non ha migliorato nessuno dei parametri di efficacia primari o secondari.

Nei pazienti con una storia di infarto miocardico, ma che erano stati colpiti anche da ictus, Vorapaxar ha ridotto in modo significativo l'incidenza di mortalità cardiovascolare, infarto miocardico, o ictus ( HR=0.69 ), ma ha aumentato il rischio di sanguinamento. ( Xagena2013 )

Fonte: International Stroke Conference, 2013


Neuro2013 Farma2013


Indietro