Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Vamorolone ha dimostrato efficacia e sicurezza nei giovani con distrofia muscolare di Duchenne


Il trattamento con Vamorolone, un antinfiammatorio steroideo, ha migliorato gli esiti motori nei ragazzi con distrofia muscolare di Duchenne rispetto agli individui naive-ai-corticosteroidi.
Vamorolone ha anche provocato un minor numero di eventi avversi segnalati dallo sperimentatore rispetto al numero riportato per il trattamento con Prednisone e Deflazacort, e non ha comportato arresto della crescita che è stato osservato con i corticosteroidi classici.

Il trattamento con corticosteroidi è raccomandato per i pazienti con distrofia muscolare di Duchenne ( DMD ) per rallentare la progressione della debolezza.
Tuttavia, il trattamento con corticosteroidi cronici causa morbilità significative.

Il Vamorolone ha mostrato evidenze di efficacia nella distrofia muscolare di Duchenne dopo 24 settimane di trattamento al dosaggio di 2 o 6 mg/kg al giorno.
L'efficacia in aperto e il profilo di sicurezza del Vamorolone sono state valutate per un periodo di 18 mesi nei partecipanti allo studio con distrofia muscolare di Duchenne.

E' stato condotto uno studio multicentrico, in aperto, di 24 settimane ( VBP15-003 ) con una estensione della durata di 24 mesi ( VBP15-LTE ) che ha valutato gli effetti del Vamorolone sugli esiti motori e sugli eventi di sicurezza correlati ai corticosteroidi.
Lo studio è stato effettuato in Canada, Stati Uniti, Regno Unito, Australia, Svezia e Israele dal 2016 al 2019.

I dati presentati dello studio hanno riguardato le prime 24 settimane e i primi 12 mesi dello studio di estensione, per un trattamento totale di 18 mesi.

E' emerso che, tra i partecipanti ( ragazzi con distrofia muscolare di Duchenne di età compresa tra 4 e meno di 7 anni all'arruolamento ) che hanno ricevuto Vamorolone 2 mg/kg al giorno o 6 mg/kg al giorno per l'intero periodo di studio di 18 mesi, c'erano miglioramenti in tutti gli esiti motori dal basale al mese 18.
Questo comprendeva il tempo per raggiungere la stazione eretta, la velocità di corsa / camminata di 10 metri, la velocità nel salire 4 scalini, test del cammino di 6 minuti e punteggio alla scala NorthStar Ambulatory Assessment.

Sono stati anche confrontati i risultati nei pazienti con distrofia muscolare di Duchenne che hanno ricevuto Vamorolone ( n=46 ) con pazienti abbinati partecipanti allo studio CINRG Duchenne Natural History Study, che comprendeva 19 pazienti naive-ai-corticosteroidi e 68 pazienti che avevano ricevuto corticosteroidi per periodo di 18 mesi.
Questo confronto ha dimostrato che il tempo di stazione eretta non era significativamente diverso tra i pazienti trattati con Vamorolone e i pazienti naive-ai-corticosteroidi ( media dei minimi quadrati [ LS ] 0.042; IC 95%, da -0.007 a 0.091 ).
Tuttavia, i partecipanti trattati con Vamorolone hanno mostrato un miglioramento significativo rispetto ai pazienti abbinati e naive-ai-corticosteroidi riguardo alla velocità di corsa / camminata di 10 metri ( media LS, 0.286; IC 95%, 0.104-0.469 ) e velocità nel salire 4 scalini ( media LS, 0.059; IC 95%, 0.007-0.111 ).
I miglioramenti correlati al Vamorolone sono risultati di entità simile ai miglioramenti correlati ai corticosteroidi.

I pazienti trattati con corticosteroidi hanno mostrato un arresto della crescita, mentre i partecipanti che hanno ricevuto Vamorolone no ( media LS, 15.86; IC 95%, 8.51-23.22 ).

Gli eventi avversi riportati dal medico per aspetto cushingoide, irsutismo, aumento di peso e cambiamenti del comportamento sono stati inferiori con Vamorolone rispetto ai tassi pubblicati di eventi avversi associati a Prednisone e Deflazacort.

I ricercatori hanno riconosciuto che lo studio presenta diversi limiti, tra cui il disegno in aperto e i confronti indiretti con lo studio precedente.
Tuttavia, i bracci placebo a lungo termine in una rara malattia pediatrica come la distrofia muscolare di Duchenne sono considerati non-etici.

In conclusione, nei giovani pazienti con distrofia muscolare di Duchenne, il trattamento con Vamorolone per 18 mesi ha mostrato una possibile efficacia rispetto a una coorte di storia naturale di pazienti naive-ai-corticosteroidi, e appare essere ben tollerato, con meno problemi di sicurezza rispetto a quelli normalmente osservati con il trattamento con i corticosteroidi standard di cura a lungo termine. ( Xagena2020 )

Fonte: PLoS Medicine, 2020

Neuro2020 MalRar2020 Med2020 Farma2020


Indietro