Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Trombolisi per ictus ischemico acuto


La maggior parte degli ictus è causata dall’ostruzione di un’arteria da parte di un coagulo sanguigno.

Il trattamento immediato con farmaci trombolitici può ripristinare il flusso sanguigno prima che si manifestino danni cerebrali maggiori e potrebbe migliorare la ripresa dall’ictus.

I farmaci trombolitici, tuttavia, possono anche causare sanguinamenti cerebrali gravi, a volte fatali.

Il farmaco rtPA ( recombinant tissue plasminogen activator ) è stato approvato per l’utilizzo in pazienti altamente selezionati entro 3 ore dall’ictus.

Una revisione ha valutato la sicurezza e l’efficacia dei trombolitici in pazienti con ictus ischemico acuto.

Nell’analisi sono stati inclusi 26 studi per un totale di 7.152 pazienti coinvolti.

Gli studi hanno valutato Urochinasi ( Ukidan ), Streptochinasi ( Streptase ), rtPA ( Alteplase ), pro-urochinasi ricombinante o Desmoteplase.

In 4 studi il farmaco è stato somministrato per via intra-arteriosa, mentre i restanti studi hanno utilizzato la via endovenosa.

La maggior parte dei dati è stata raccolta da studi che hanno iniziato il trattamento fino a 6 ore dopo l’ictus; 3 lo hanno iniziato fino a 9 ore e uno fino a 24 ore dopo l’episodio ictale.

Circa il 55% dei dati ( pazienti e studi ) ha riguardato la valutazione del trattamento intravenoso con t-PA.

Un numero molto ridotto di pazienti ( 0.5% ) aveva più di 80 anni di età.

La terapia trombolitica, soprattutto somministrata fino a 6 ore dopo l’isctus ischemico, ha ridotto in modo significativo la proporzione di pazienti deceduti o dipendenti ( Rankin modificato: da 3 a 6 ) tra 3 e 6 mesi dopo l’ictus ( odds ratio [ OR ] 0.81 ).

La terapia trombolitica ha aumentato il rischio di emorragia intracranica sintomatica ( OR=3.49 ) e di morte da 3 a 6 mesi dopo l’ictus ( OR=1.31 ).

Il trattamento iniziato entro 3 ore dall’ictus è risultato più efficace nel ridurre morte o dipendenza ( OR=0.71 ) senza effetti avversi statisticamente significativi sulla mortalità ( OR=1.13 ).

È stata osservata eterogeneità tra gli studi riguardo all’uso concomitante di farmaci antitrombotici ( P=0.02 ), gravità dell’ictus e tempo trascorso prima del trattamento.

I farmaci antitrombotici somministrati subito dopo la trombolisi potrebbero aumentare il rischio di mortalità.

In conclusione, la terapia trombolitica porta a una significativa riduzione della proporzione di pazienti deceduti o dipendenti nello svolgimento delle attività della vita quotidiana.
Questo beneficio generale si manifesta nonostante un aumento delle mortalità (evidente tra 7 e 10 giorni e al termine del follow-up ) e delle emorragie intracraniche sintomatiche. ( Xagena2009 )

Wardlaw JM et al, Cochrane Database Syst Rev 2009; (4): CD000213


Farma20092009 Neuro2009


Indietro