Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Siponimod versus placebo nella sclerosi multipla secondariamente progressiva: studio EXPAND


Nessun trattamento ha mostrato efficacia costante nel rallentare la progressione della disabilità nei pazienti con sclerosi multipla secondariamente progressiva ( SPMS ).
È stato valutato l'effetto di Siponimod, un modulatore selettivo del recettore di tipo 1 e 5 della sfingosina 1-fosfato ( S1P ), sulla progressione della disabilità nei pazienti con sclerosi multipla SPMS.

Lo studio clinico in doppio cieco di fase 3 EXPAND è stato condotto presso 292 cliniche ospedaliere e centri specializzati per la sclerosi multipla in 31 Paesi.
I pazienti di età compresa tra 18 e 60 anni con sclerosi multipla secondariamente progressiva e un punteggio EDSS ( Expanded Disability Status Scale ) di 3.0-6.5 sono stati assegnati in modo casuale a Siponimod per os una volta al giorno 2 mg oppure a placebo fino a 3 anni o fino al verificarsi di un numero prespecificato di eventi di progressione confermata della disabilità.

L'endpoint primario era il tempo alla progressione confermata della disabilità a 3 mesi.

L'efficacia è stata valutata per l'intero set di analisi, cioè, tutti i pazienti assegnati e trattati in modo casuale; la sicurezza è stata valutata per il set di sicurezza.

Tra il 2013 e il 2015 sono stati assegnati in modo casuale 1.645 pazienti: 1.099 al gruppo Siponimod e 546 al placebo.
Al basale, il tempo medio trascorso dai primi sintomi della sclerosi multipla è stato di 16.8 anni, e il tempo medio trascorso dalla conversione a sclerosi multipla secondariamente progressiva è stato di 3.8 anni; 1.055 pazienti ( 64% ) non avevano recidivato nei 2 anni precedenti e 918 su 1.651 ( 56% ) avevano bisogno di assistenza per camminare.

Hanno completato lo studio 903 pazienti ( 82% ) trattati con Siponimod e 424 pazienti ( 78% ) trattati con placebo.

288 su 1.096 pazienti ( 26% ) trattati con Siponimod e 173 su 545 pazienti ( 32% ) trattati con placebo hanno presentato una progressione confermata di disabilità a 3 mesi ( hazard ratio, HR=0.79, ​​riduzione del rischio relativo, RR=21%; P=0.013 ).

Eventi avversi si sono verificati in 975 su 1.099 pazienti ( 89% ) trattati con Siponimod rispetto a 445 su 546 pazienti ( 82% ) trattati con placebo; eventi avversi gravi sono stati segnalati per 197 pazienti ( 18% ) nel gruppo Siponimod contro 83 pazienti ( 15% ) nel gruppo placebo.

Linfopenia, aumento della concentrazione di transaminasi epatica, bradicardia e bradiaritmia all'inizio del trattamento, edema maculare, ipertensione, riattivazione di varicella zoster e convulsioni si sono verificati più frequentemente con Siponimod che con placebo.

La titolazione iniziale della dose ha mitigato gli effetti cardiaci di prima dose.

Le frequenze di infezioni, tumori maligni e decessi non sono variate tra i gruppi.

Siponimod ha ridotto il rischio di progressione della disabilità con un profilo di sicurezza simile a quello di altri modulatori S1P ed è probabile che sia un trattamento utile per la sclerosi multipla secondariamente progressiva ( Xagena2018 )

Kappos L et al, Lancet 2018; 391: 1263-1273

Neuro2018 Farma2018


Indietro