Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sicurezza, tollerabilità ed efficacia di PBT2 nella malattia di Huntington


PBT2 è un composto che attenua il legame proteina-metallo e che potrebbe ridurre l'aggregazione metallo-indotta nella malattia di Huntigton mutata e ha prolungato la sopravvivenza in un modello murino della malattia di Huntington.

Uno studio ha valutato la sicurezza, la tollerabilità e l'efficacia di PBT2 nei pazienti con malattia di Huntington.

Nello studio di 26 settimane, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, gli adulti ( a partire da 25 anni ) con malattia di Huntington in stadio precoce fino a stadio medio sono stati randomizzati a PBT2 una volta al giorno ai dosaggi di 250 mg e 100 mg, oppure a placebo.

Gli endpoint primari erano la sicurezza e la tollerabilità. La popolazione di sicurezza era costituita da tutti i partecipanti assegnati in modo casuale che avevano assunto almeno una dose del farmaco in studio.
L’endpoint secondario era la capacità cognitiva, misurata dal cambiamento dal basale alla settimana 26 nel principale punteggio Z composito di 5 test cognitivi ( Category Fluency Test, Trail Making Test Part B, Map Search, Symbol Digit Modalities Test, e Stroop Word Reading test ) e punteggi su 8 singoli test cognitivi ( i 5 di cui sopra più Trail Making Test Part A, Montreal Cognitive Assessment, e Speeded Tapping Test ).

La popolazione intention-to-treat ha compreso pazienti assegnati in modo casuale che avevano avuto almeno una valutazione di efficacia dopo la somministrazione del farmaco in studio.

Durante il 2012, 109 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a PBT2 250 mg ( n=36 ), PBT2 100 mg ( n=38 ), oppure a placebo ( n=35 ) presso 19 Centri di ricerca in Australia e Stati Uniti d'America.

32 soggetti ( 89% ) trattati con PBT2 250 mg, 38 ( 100% ) con PBT2 100 mg, e 34 ( 97% ) con placebo hanno completato lo studio.

Si sono verificati 6 eventi avversi gravi ( sindrome coronarica acuta, depressione maggiore, polmonite, tentativo di suicidio, infezione virale e peggioramento della malattia di Huntington ) in 5 partecipanti al gruppo PBT2 250 mg, 3 ( caduta con ematoma subdurale, tentativo di suicidio, e ricovero in ospedale per la stabilizzazione della malattia di Huntington ) si sono verificati in 2 partecipanti del gruppo PBT2 100 mg, e 1 ( crescente aggressività ) si è verificato in un partecipante nel gruppo placebo.

Tutti gli eventi avversi sono stati ritenuti, tranne l'aggravarsi della malattia di Huntington, non correlati al farmaco in studio.

32 ( 89% ) partecipanti del gruppo PBT2 250 mg, 30 ( 79% ) del gruppo PBT2 100 mg, e 28 ( 80% ) trattati con placebo hanno avuto almeno un evento avverso.

Rispetto al placebo, né PBT2 100 mg ( media dei minimi quadrati 0.02, P=0.772 ) né PBT2 250 mg ( 0.07, P=0.240 ) ha migliorato significativamente il principale punteggio Z composito di capacità cognitiva tra il basale e la settimana 26.

Rispetto al placebo, il Trail Making Test part B è migliorato tra il basale e la settimana 26 nel gruppo PBT2 250 mg ( 17.65 s, P=0.042 ), ma non nel gruppo PBT2 100 mg ( miglioramento di 0.79 s, P=0.925 ); nessuna dose ha significativamente migliorato la capacità cognitiva sugli altri test.

PBT2 è risultato generalmente sicuro e ben tollerato nei pazienti con malattia di Huntington.
Il potenziale beneficio sulla funzione esecutiva dovrà essere confermato in uno studio più ampio. ( Xagena2015 )

Huntington Study Group Reach2HD Investigators, Lancet 2015;14:39-47

Neuro2015 MalRar2015 Med2015 Farma2015


Indietro