Neurobase.it
XagenaNewsletter
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Sicurezza ed efficacia di Rituximab nei disturbi dello spettro della neuromielite ottica: studio RIN-1


La prevenzione farmacologica contro le recidive nei pazienti con disturbo dello spettro della neuromielite ottica ( NMOSD ) si sta sviluppando rapidamente.
Sono state studiate la sicurezza e l'efficacia di Rituximab ( MabThera ), un anticorpo monoclonale anti-CD20, contro le recidive nei pazienti con disturbo NMOSD.

È stato condotto uno studio clinico multicentrico, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, presso 8 ospedali in Giappone.
I pazienti di età compresa tra 16 e 80 anni con disturbo NMOSD sieropositivi per l'anticorpo anti-acquaporina 4 ( AQP4 ), che assumevano steroidi per via orale a 5-30 mg/die e con un punteggio alla scala EDSS ( Expanded Disability Status Scale ) di 7-0 o inferiore sono stati ammessi allo studio.
Gli individui che assumevano altri immunosoppressori sono stati esclusi.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a Rituximab oppure placebo.
Le dosi di steroidi concomitanti ( convertite in dosi equivalenti di Prednisolone ) e le recidive nei 2 anni precedenti sono state stabilite come fattori di stratificazione.

Rituximab ( 375 mg/m2 ) è stato somministrato per via endovenosa ogni settimana per 4 settimane, quindi è stato effettuato un dosaggio di intervallo di 6 mesi ( 1.000 mg ogni 2 settimane, a 24 settimane e 48 settimane dopo la randomizzazione ).
Un placebo corrispondente è stato somministrato per via endovenosa. Prednisolone orale concomitante è stato gradualmente ridotto a 2-5 mg/die, secondo il protocollo.

L'esito primario era il tempo alla prima recidiva entro 72 settimane. Le recidive sono state definite come sintomi segnalati dal paziente o eventuali nuovi segni coerenti con lesioni del sistema nervoso centrale ( SNC ) e cambiamenti oggettivi attribuibili nella risonanza magnetica o nel potenziale evocato visivo.

L'analisi primaria è stata eseguita nel set di analisi completo ( tutti i pazienti assegnati in modo casuale ) e le analisi di sicurezza sono state eseguite nel set di analisi di sicurezza ( tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una infusione di trattamento assegnato ).
L'analisi principale è stata effettuata secondo intention-to-treat.

Tra il 2014 e il 2017, 38 partecipanti sono stati reclutati e assegnati in modo casuale a Rituximab ( n=19 ) oppure placebo ( n=19 ).
3 pazienti ( 16% ) assegnati a Rituximab hanno interrotto lo studio e sono stati analizzati come casi censurati.

Si sono verificate 7 recidive ( 37% ) nei pazienti trattati con placebo e nessuna nei pazienti assegnati a Rituximab ( differenza di gruppo 36.8%; log-rank P=0.0058 ).

Sono stati registrati 8 eventi avversi gravi, 4 eventi in 3 pazienti ( 16% ) assegnati a Rituximab ( frattura da compressione lombare e infezione intorno all'unghia del piede destro, n=1, diplopia, n=1, e tumore uterino, n=1 ) e 4 eventi in 2 soggetti ( 11% ) assegnati al placebo ( esacerbazione del glaucoma e sanguinamento nella camera dell'occhio destro dopo l'intervento chirurgico, n=1, e danno visivo e lesione cerebrale asintomatica della sostanza bianca alla risonanza magnetica, n=1 ); tutti i pazienti sono guariti.

Non sono stati riportati decessi.

Rituximab ha evitato recidive per 72 settimane in pazienti con disturbo dello spettro della neuromielite ottica positivi all'anticorpo anti-AQP4.
Questo studio è limitato dalle dimensioni ridotte del campione e dall'inclusione dei partecipanti con attività lieve della malattia.
Tuttavia, i risultati hanno indicato che Rituximab potrebbe essere una terapia di mantenimento utile per le persone con disturbo NMOSD positive agli anticorpi anti-AQP4. ( Xagena2020 )

Tahara M et al, Lancet Neurology 2020; 19: 298-306

Neuro2020 Oftalm2020 Farma2020


Indietro