Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sicurezza ed efficacia di Olesoxima in pazienti con atrofia muscolare spinale di tipo 2 o di tipo 3 senza deambulazione


L'atrofia muscolare spinale ( SMA ) è una malattia progressiva dei motoneuroni che causa la perdita della funzione motoria e una ridotta aspettativa di vita, per la quale è disponibile un trattamento limitato.
Sono state studiate la sicurezza e l'efficacia di Olesoxima in pazienti con atrofia muscolare spinale di tipo 2 o di tipo 3 senza deambulazione.

Uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di fase 2 è stato condotto in 22 Centri di cura neuromuscolare in Belgio, Francia, Germania, Italia, Paesi Bassi, Polonia e Regno Unito.
La sicurezza e l'efficacia di Olesoxima sono state valutate in pazienti di età compresa tra 3 e 25 anni con atrofia muscolare spinale geneticamente confermata di tipo 2 o di tipo 3 senza deambulazione.

I pazienti sono stati assegnati, con stratificazione per tipo di atrofia muscolare spinale e Centro, a ricevere Olesoxima 10 mg/kg al giorno in sospensione orale liquida o placebo per 24 mesi.
La misura dell'esito primario era il cambiamento dal basale rispetto a 24 mesi tra i due gruppi di trattamento nei domini funzionali 1 e 2 della Motor Function Measure ( MFM D1 + D2 ) valutata nella popolazione di analisi completa.

Per valutare i pazienti di età inferiore ai 6 anni è stata utilizzata una versione più corta della scala MFM, con 20 voci, che è stata adattata specificamente per i bambini piccoli.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto una o più dosi del farmaco in studio.

Lo studio è stato condotto tra il 2010 e il 2013.

Su 198 pazienti sottoposti a screening, 165 sono stati randomizzati a Olesoxima ( n=108 ) o placebo ( n=57 ).
Cinque pazienti nel gruppo Olesoxima non sono stati inclusi nell'analisi dei risultati primari a causa dell'assenza di valutazioni post-basali.

Il cambiamento dal basale al mese 24 sulla misura dell'esito primario è stato pari a 0.18 per Olesoxima e -1.82 per il placebo ( differenza di trattamento 2.00 punti, P=0.0676 ).

Olesoxima è apparso sicuro e generalmente ben tollerato, con un profilo di eventi avversi simile al placebo.
Gli eventi avversi più frequenti nel gruppo Olesoxima sono stati piressia ( n=34 ), tosse ( n=32 ), nasofaringite ( n=25 ) e vomito ( n=25 ).

Ci sono stati due decessi, uno per ciascun gruppo, ma non sono stati considerati correlati al trattamento dello studio.

Olesoxima è risultato sicuro alle dosi studiate, per tutta la durata dello studio. Sebbene l'endpoint primario non sia stato raggiunto, gli endpoint secondari e le analisi di sensibilità suggeriscono che Olesoxima potrebbe mantenere la funzione motoria nei pazienti con atrofia muscolare spinale di tipo 2 o 3 in un periodo di 24 mesi.

Sulla base di questi risultati, Olesoxima potrebbe fornire benefici clinici significativi ai pazienti con atrofia muscolare spinale e, data la sua modalità di azione, potrebbe essere usato in combinazione con altri farmaci che hanno come obiettivo altri meccanismi della malattia, sebbene siano necessarie ulteriori prove. ( Xagena2017 )

Bertini E et al, Lancet Neurology 2017; 16: 513-522

Neuro2017 Farma2017


Indietro