Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sicurezza ed efficacia della Rasagilina come terapia aggiuntiva a Riluzolo nei pazienti con sclerosi laterale amiotrofica


Rasagilina ( Azilect ), un inibitore della monoamino ossidasi B ( IMAO ) con potenziale neuroprotettivo nella malattia di Parkinson, ha mostrato un effetto modificante la malattia nel modello di topo SOD1-Gly93Ala a bassa espressione per la sclerosi laterale amiotrofica, sia da solo che in associazione con Riluzolo ( Rilutek ).

Uno studio ha verificato se la Rasagilina 1 mg/die possa prolungare la sopravvivenza nei pazienti con sclerosi laterale amiotrofica in trattamento anche con Riluzolo.

I pazienti con sclerosi laterale amiotrofica possibile, probabile o definita sono stati arruolati in uno studio randomizzato, controllato con placebo, a gruppi paralleli, in doppio cieco, di fase 2, da 15 network tedeschi di Centri per le malattie del motoneurone ( MND-NET ) ( ospedali universitari o cliniche ).
I pazienti eleggibili avevano un'età minima di 18 anni, avevano avuto una progressiva debolezza nei 36 mesi precedenti lo studio, avevano una durata della malattia superiore a 6 mesi e inferiore a 3 anni e avevano una migliore capacità vitale lenta da seduti almeno del 50%.

Dopo un periodo di screening di 4 settimane, i pazienti eleggibili sono stati assegnati casualmente a ricevere Rasagilina ( 1 mg/die ) oppure placebo in aggiunta a Riluzolo ( 100 mg/die ), dopo stratificazione per sito di insorgenza ( bulbare o spinale ) e Centro di studio.
I pazienti sono stati seguiti per 2, 6, 12 e 18 mesi dopo la randomizzazione.

L'endpoint primario era il tempo di sopravvivenza, definito come il tempo alla morte o il tempo alla data di cutoff ( cioè l'ultima visita del paziente più 14 giorni ).

Le analisi dell’esito primario e delle misure di sicurezza sono state eseguite in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento sperimentale.

Tra il 2013 e il 2014, 252 pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Rasagilina ( n=127 ) oppure placebo ( n=125 ).
126 pazienti che assumevano Rasagilina e 125 trattati con placebo sono stati inclusi nell'analisi intention-to-treat.

Per l'esito primario, la probabilità di sopravvivenza alla fine dello studio è stata pari a 0.4 nel gruppo Rasagilina ( n=126 ) e 0.53 nel gruppo placebo ( n=125 ).
La dimensione dell'effetto stimato ( hazard ratio ) era 0.91 ( P=0.31 ).

La Rasagilina è stata ben tollerata e la maggior parte degli eventi avversi era dovuta alla progressione della malattia da sclerosi laterale amiotrofica piuttosto che alla terapia; i più frequenti tra questi eventi erano disfagia ( 32, 25%, assumendo Rasagilina vs 24, 19%, assumendo placebo ) e insufficienza respiratoria ( 25, 20%, vs 31, 25% ).

Rasagilina si è dimostrata sicura nei pazienti con sclerosi laterale amiotrofica. Non vi è stata alcuna differenza tra i gruppi nell’esito primario di sopravvivenza, sebbene l'analisi post-hoc suggerisse che la Rasagilina era in grado di modificare la progressione della malattia nei pazienti con una pendenza iniziale alla scala ALSFRS ( Amyotrophic Lateral Sclerosis Functional Rating Scale ) Revised superiore a 0.5 punti al mese al basale.
Questo dato dovrebbe essere confermato in un'altra sperimentazione clinica. ( Xagena2018 )

Ludolph AC et al, Lancet Neurol 2018; 17: 681-688

Neuro2018 Farma2018


Indietro