Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sicurezza ed efficacia della Pridopidina nei pazienti con malattia di Huntington: studio PRIDE-HD


Studi precedenti hanno dimostrato che la Pridopidina può ridurre la compromissione motoria nei pazienti con malattia di Huntington.
Lo scopo dello studio PRIDE-HD è stato quello di accertare se dosaggi più alti di Pridopidina, rispetto a quelli precedentemente testati, riducessero i sintomi motori in modo dose-dipendente, pur mantenendo sicurezza e tollerabilità accettabili.

PRIDE-HD è uno studio di fase 2, randomizzato e controllato con placebo, di determinazione della dose negli adulti di età a partire da 21 anni con malattia di Huntington in 53 siti in 12 Paesi ( Australia, Austria, Canada, Danimarca, Francia, Germania , Italia, Polonia, Russia, Paesi Bassi, Regno Unito e Stati Uniti ).

I pazienti eleggibili avevano esordio clinico dopo i 18 anni di età, 36 o più ripetizioni CAG ( citosina-adenina-guanina ) nel gene huntingtina, sintomi motori ( punteggi motori totali alla scala UHDRS [ Unified Huntington's Disease Rating Scale total motor score ] superiori o uguali a 25 punti ) e indipendenza ridotta (punteggio di indipendenza UHDRS inferiore o uguale al 90%).

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere una di quattro dosi di Pridopidina ( 45, 67.5, 90, o 112.5 mg ) oppure placebo per via orale due volte al giorno per 52 settimane.
La randomizzazione è stata stratificata all'interno dei Centri per uso di farmaci neurolettici.

L'endpoint primario di efficacia era il cambiamento dei punteggi motori totali ( TMS ) alla scala UHDRS dal basale a 26 settimane, valutato in tutti i pazienti randomizzati che hanno ricevuto almeno una dose di farmaco in studio e hanno avuto almeno una valutazione di efficacia post-basale ( set completo di analisi ).

Tra il 2014 e il 2016, 408 pazienti sono stati arruolati e assegnati in modo casuale a ricevere placebo ( n=82 ) o Pridopidina 45 mg ( n=81 ), 67.5 mg ( n=82 ), 90 mg ( n=81 ), o 112.5 mg ( n=82 ) due volte al giorno per 26 settimane.
Il set completo di analisi comprendeva 397 pazienti ( 81 nel gruppo placebo, 75 nel gruppo 45 mg, 79 nel gruppo 67.5 mg, 81 nel gruppo 90 mg e 81 nel gruppo 112.5 mg ).

La Pridopidina non ha modificato in modo significativo i punteggi motori totali alla scala UHDRS a 26 settimane rispetto al placebo a qualsiasi dose.

Gli eventi avversi più frequenti in tutti i gruppi erano diarrea, vomito, nasofaringite, cadute, mal di testa, insonnia e ansia.
Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento sono stati insonnia, diarrea, nausea e vertigini.
Eventi avversi gravi si sono verificati solo nei gruppi con Pridopidina ed erano più frequentemente cadute ( n=5 ), tentativo di suicidio ( n=4 ), ideazione suicidaria ( n=3 ), trauma cranico ( n=3 ) e polmonite da aspirazione ( n=3 ).

Nessun nuovo problema di sicurezza o tollerabilità è emerso in questo studio.

Un decesso nel gruppo Pridopidina 112.5 mg dovuto a polmonite da aspirazione è stato considerato possibilmente correlato al farmaco in studio.

La Pridopidina non ha migliorato il punteggio motorio totale alla scala UHDRS alla settimana 26 rispetto al placebo e, quindi, i risultati delle analisi secondarie o terziarie negli studi precedenti non sono stati replicati.
Negli studi futuri è necessario escludere un effetto placebo potenzialmente forte. ( Xagena2019 )

Reilmann R et al, The Lancet Neurology 2019; 18; 165-176

Neuro2019 Farma2019


Indietro