Neurobase.it
XagenaNewsletter
Tumori testa-collo
Medical Meeting

Sicurezza ed efficacia della monoterapia con Satralizumab nel disturbo dello spettro della neuromielite ottica


Satralizumab, un anticorpo monoclonale umanizzato che ha come bersaglio il recettore dell'interleuchina-6 ( IL-6 ), ha ridotto il rischio di recidiva nei pazienti con disturbo dello spettro della neuromielite ottica ( NMOSD ) quando è stato aggiunto alla terapia immunosoppressiva.
Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia della monoterapia con Satralizumab nei pazienti con il disturbo.

In uno studio di fase 3, in doppio cieco, controllato con placebo, sono stati arruolati adulti di età compresa tra 18 e 74 anni con disturbo NMOSD sieropositivi o sieronegativi all’anticorpo anti-acquaporina-4 ( anti-AQP-4 ) in 44 centri di sperimentazione in 13 Paesi.

I partecipanti idonei avevano avuto almeno un attacco o una recidiva del disturbo dello spettro della neuromielite ottica documentati negli ultimi 12 mesi e avevano ottenuto un punteggio di 6.5 o inferiore alla scala EDSS ( Expanded Disability Status Scale ).
I criteri di esclusione includevano recidiva clinica 30 giorni o meno prima del basale.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Satralizumab 120 mg o placebo per via sottocutanea alle settimane 0, 2, 4 e successivamente ogni 4 settimane.
L'assunzione concomitante di immunosoppressori era vietata.

L'endpoint primario era il tempo alla prima recidiva definita dal protocollo, basato sulla popolazione intention-to-treat e analizzato stratificando per precedente terapia per la prevenzione degli attacchi e natura dell'attacco più recente.
La sicurezza è stata valutata in tutti i partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose di Satralizumab o placebo.

La fase in doppio cieco doveva durare fino a quando si sarebbero verificate 44 recidive definite dal protocollo o 1-5 anni dopo l'assegnazione casuale dell'ultimo paziente arruolato, a seconda di quale evento si verificasse per primo; i partecipanti potevano entrare in una fase in aperto dopo il verificarsi di una ricaduta definita dal protocollo o al termine della fase in doppio cieco.

In tutto 95 su 168 partecipanti ( 57% ) sottoposti a screening sono stati assegnati in modo casuale al trattamento ( 63 a Satralizumab; 32 al placebo ) tra il 2014 e il 2017.
Si sono verificate recidive definite dal protocollo in 19 pazienti ( 30% ) trattati con Satralizumab e 16 ( 50% ) trattati con placebo ( hazard ratio, HR=0.45; P=0.018 ).
473.9 eventi avversi per 100 anni-paziente si sono verificati nel gruppo Satralizumab, così come 495.2 per 100 anni-paziente nel gruppo placebo; l'incidenza di eventi avversi gravi e di eventi avversi che hanno portato alla sospensione è stata simile tra i gruppi.

La monoterapia con Satralizumab ha ridotto il tasso di recidiva del disturbo dello spettro della neuromielite ottica rispetto al placebo nella popolazione di studio complessiva, con un profilo di sicurezza favorevole.
La popolazione di pazienti comprendeva un rapporto di pazienti sieropositivi e sieronegativi agli anticorpi anti-acquaporina-4 che rifletteva la pratica clinica.
Satralizumab ha il potenziale per diventare una valida opzione terapeutica per i pazienti con disturbo NMOSD. ( Xagena2020 )

Traboulsee A et al, Lancet Neurology 2020; 19: 402-412

Neuro2020 MalRar2020 Med2020 Oftalm2020 Farma2020


Indietro