Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Sicurezza ed efficacia del Bexarotene nei pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente: studio CCMR One


La disabilità progressiva nella sclerosi multipla si verifica perché gli assoni del sistema nervoso centrale ( SNC ) degenerano come conseguenza tardiva della demielinizzazione. Negli animali, gli agonisti del recettore dell'acido retinoico RXR-gamma promuovono la rimielinizzazione.
Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di un agonista non-selettivo del recettore dei retinoidi X nel promuovere la rimielinizzazione nelle persone con sclerosi multipla.

Uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, a gruppi paralleli, di fase 2a ( CCMR One ) ha reclutato pazienti con sclerosi multipla recidivante-remittente da due centri nel Regno Unito.
I partecipanti idonei avevano un'età compresa tra 18 e 50 anni e ricevevano Dimetilfumarato da almeno 6 mesi.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 300 mg/m2 di superficie corporea al giorno di Bexarotene ( Targretin ) orale oppure placebo orale per 6 mesi.
I partecipanti, i ricercatori e i valutatori dei risultati non conoscevano l'assegnazione del trattamento.
Le scansioni di risonanza magnetica per immagini ( MRI ) sono state eseguite al basale e a 6 mesi.

L'esito primario di sicurezza era il numero di eventi avversi e ritiri attribuibili al Bexarotene. L'esito primario di efficacia era la variazione a livello del paziente nel rapporto medio di trasferimento di magnetizzazione della lesione tra il basale e il mese 6 per le lesioni che avevano un rapporto di trasferimento di magnetizzazione al basale inferiore alla mediana all'interno del paziente.

L'esito primario di sicurezza nella popolazione di sicurezza comprendeva i partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento assegnato.
L'esito primario di efficacia nella popolazione intention-to-treat comprendeva tutti i pazienti che hanno completato lo studio.

Tra il 2017 e il 2019, 52 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Bexarotene ( n=26 ) oppure placebo ( n=26 ).

Le persone che hanno ricevuto Bexarotene hanno avuto un numero medio di eventi avversi più elevato ( 6.12; 159 eventi in totale ) rispetto ai partecipanti che hanno ricevuto placebo ( 1.63; 39 eventi in totale ).

Tutti i partecipanti trattati con Bexarotene hanno avuto almeno un evento avverso, che ha incluso: ipotiroidismo centrale ( n=26 vs nessuno con placebo ), ipertrigliceridemia ( n=24 vs nessuno con placebo ), rash ( n=13 vs 1 con placebo ) e neutropenia ( n=10 vs nessuno con placebo ).

In tutto i 5 partecipanti (19%) al gruppo Bexarotene e i 2 ( 8% ) al gruppo placebo hanno interrotto il farmaco in studio a causa di eventi avversi.
Un episodio di colecistite in un partecipante trattato con placebo è stato l'unico evento avverso grave.

La variazione del rapporto medio di trasferimento di magnetizzazione della lesione non è risultata differente tra il gruppo Bexarotene ( 0.25 unità percentuali [ pu ] ) e il gruppo placebo ( 0.09 pu; differenza aggiustata Bexarotene-placebo 0.16 pu; P=0.55 ).

Non viene raccomandato l'uso del Bexarotene per il trattamento dei pazienti con sclerosi multipla a causa della sua scarsa tollerabilità e dell'esito negativo di efficacia primaria.
Tuttavia, sono stati osservati effetti statisticamente significativi in ​​alcune risonanze magnetiche esplorative e analisi elettrofisiologiche, suggerendo che altri agonisti del recettore dei retinoidi X potrebbero avere piccoli effetti biologici. ( Xagena2021 )

Brown JWL et al, Lancet Neurology 2021; 20: 709-720

Neuro2021 Farma2021


Indietro