Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sicurezza ed efficacia dei nabiximoli sui sintomi della spasticità nei pazienti con malattia del motoneurone


La spasticità è un importante fattore determinante della disabilità e del declino della qualità di vita nei pazienti con malattia del motoneurone.
I cannabinoidi sono stati approvati per il trattamento sintomatico della spasticità nella sclerosi multipla.

Si è determinato se i cannabinoidi possano anche ridurre la spasticità nei pazienti con malattia del motoneurone.

È stato condotto uno studio clinico di fase 2, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, presso quattro Centri per la malattia del motoneurone in Italia.

I pazienti eleggibili avevano un'età compresa tra 18 e 80 anni; sclerosi laterale amiotrofica possibile, probabile sostenuta da esami di laboratorio, probabile o accertata, come definito dai criteri El Escorial rivisti, o sclerosi laterale primaria secondo i criteri di Pringle; avevano sintomi di spasticità dovuti a malattia del motoneurone da almeno 3 mesi; avevano punteggi di spasticità di 1 o maggiore in almeno due gruppi muscolari sulla scala di Ashworth modificata; e stavano assumendo un regime antispastico che è stato mantenuto a una dose stabile per 30 giorni prima dell'arruolamento.

I partecipanti sono stati assegnati a uno spray oromucosale standardizzato ( nabiximoli ) contenente una combinazione definita di delta-9-Tetraidrocannabinolo [ delta-9-THC ] e Cannabidiolo ( ogni 100 microl di attivazione conteneva 2.7 mg di delta-9-THC e 2.5 mg di Cannabidiolo ) oppure al placebo per 6 settimane.

I partecipanti si sono auto-titolati durante i primi 14 giorni di trattamento secondo uno schema di incremento graduale predefinito ( massimo 12 attuazioni per 24 ore ), quindi hanno mantenuto tale dose per 4 settimane.

L'endpoint primario era la variazione del punteggio sulla scala di Ashworth modificata, che è stata valutata al basale e dopo 6 settimane.
Anche la sicurezza e la tollerabilità sono state monitorate.

Tutti i partecipanti randomizzati che hanno ricevuto almeno una dose di farmaco in studio sono stati inclusi nell'analisi.

Tra il 2013 e il 2014, 60 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale e 59 partecipanti sono stati inclusi nell'analisi finale ( 29 nel gruppo nabiximoli e 30 nel gruppo placebo ).

I punteggi sulla scala di Ashworth modificata sono migliorati di una media di 0.11 nel gruppo nabiximoli e sono peggiorati di una media di 0.16 nel gruppo placebo ( stima dell'effetto aggiustata -0.32; P=0.013 ).

I nabiximoli sono stati ben tollerati e nessun partecipante si è ritirato dalla fase in doppio cieco dello studio.
Non si sono verificati effetti avversi gravi.

In questo studio proof-of-concept, i nabiximoli hanno esercitato un effetto positivo sui sintomi della spasticità nei pazienti con malattia del motoneurone, con un profilo di sicurezza e di tollerabilità accettabile.
Questi risultati dovrebbero essere ulteriormente approfonditi in studi clinici di maggiori dimensioni. ( Xagena2019 )

Riva N et al, Lancet Neurology 2019; 18: 155-164

Neuro2019 Farma2019


Indietro