Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sclerosi multipla recidivante-remittente: gravi effetti di rimbalzo in un rilevante numero di pazienti dopo interruzione di Fingolimod


Uno studio condotto da ricercatori dell’University of California San Francisco ( UCSF ) ha mostrato che i sintomi di rimbalzo dopo interruzione dell’assunzione di Fingolimod ( Gilenya ) interessano un numero clinicamente rilevante di pazienti con sclerosi multipla.
Lo studio ha evidenziato la necessità di determinare il miglior metodo di interruzione dei trattamenti per la sclerosi multipla, e ha sottolineato la necessità di identificare i fattori che aumentano il rischio di gravi sintomi dopo la cessazione di Fingolimod.

Lo studio, pubblicato sulla rivista JAMA Neurology, ha preso in esame le cartelle cliniche elettroniche, insieme a immagini di risonanza magnetica ( MRI ), del UCSF Multiple Sclerosis Center, e si è focalizzato sulla comparsa di sintomi di rimbalzo dopo cessazione dell’assunzione di Fingolimod.
L’analisi ha riguardato le cartelle cliniche del periodo 2014-2015.

Fingolimod è un farmaco che ha come bersaglio le cellule immunitarie nei linfonodi, impedendo loro l’ingresso nel sistema nervoso centrale.
Quando il trattamento viene interrotto, il pool di cellule immunitarie periferiche ritorna alla normalità entro 4-8 settimane.

Tra i 46 pazienti che avevano interrotto il trattamento con Fingolimod durante il periodo analizzato, 5 donne, pari al 10.9% del gruppo, hanno sviluppato sintomi di rimbalzo sotto forma di gravi ricadute che si sono verificate 4-16 settimane dopo la sospensione del trattamento.
Questo lasso di tempo rispecchia il tempo necessario alle cellule immunitarie di ri-entrare nel cervello.

La risonanza magnetica per immagini ha mostrato che i pazienti avevano una mediana di 9 nuove lesioni captanti il Gadolinio, e una media di 9 nuove lesioni in T2.
Anche se i pazienti sono stati trattati con corticosteroidi o terapia in grado di produrre deplezione delle cellule B, nuove lesioni hanno continuato a formarsi per altri 3-6 mesi.

Nel tentativo di valutare il grado del problema, il gruppo di ricercatori ha esaminato la letteratura, e ha identificato altri 11 pazienti che avevano avuto gravi ricadute dopo interruzione del trattamento con Fingolimod ( effetto rimbalzo ).

Lo studio ha mostrato che la percentuale di pazienti che hanno ricadute dopo l'interruzione del trattamento è clinicamente rilevante, ma non è noto il modo per evitare che ciò accada.
Inoltre, non si conosce quali pazienti potrebbero essere a maggior rischio di sviluppare sintomi di rimbalzo.
C’è, quindi, la necessità di grandi studi prospettici per determinare le migliori pratiche cliniche. ( Xagena2016 )

Fonte: UCSF, 2016

Neuro2016 Farma2016


Indietro