Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Ruolo potenziale di GLP-1 nella neuroprotezione


L'attuale comprensione dei processi neurodegenerativi nelle malattie sporadiche come malattia di Alzheimer, malattia di Parkinson o sclerosi multipla è molto limitata.
Sono stati identificati diversi fattori di rischio che possono far luce sui meccanismi sottostanti che danno avvio alla neurodegenerazione.

Il diabete mellito di tipo 2 è stato identificato come un fattore di rischio per la malattia di Alzheimer e la malattia di Parkinson.

Nei pazienti con malattia di Alzheimer è stata dimostrata la desensibilizzazione dei recettori dell'insulina nel cervello, anche in pazienti non-diabetici. L’insulina agisce come un fattore di crescita nel cervello e supporta la riparazione neuronale, la gemmazione dendritica, la sinaptogenesi e la protezione dallo stress ossidativo.

Vari farmaci sono stati sviluppati per il trattamento del diabete mellito di tipo 2 che ri-sensibilizzino i recettori per l'insulina e possono essere utili per prevenire processi neurodegenerativi.

Il peptide glucagone-simile 1 ( GLP-1 ) è un ormone che facilita il rilascio di insulina in condizioni di elevata glicemia.
GLP-1 ha anche proprietà simili al fattore di crescita insulino-simile, e ha dimostrato di ridurre una serie di processi degenerativi.

In studi pre-clinici, GLP-1 e analoghi di più lunga durata, resistenti alle proteasi, attraversano la barriera emato-encefalica, proteggono la formazione di memoria ( malattia di Alzheimer ) o l’attività motoria ( malattia di Parkinson ), proteggono le sinapsi e le funzioni sinaptiche, favoriscono la neurogenesi, riducono l'apoptosi, proteggono i neuroni dallo stress ossidativo e riducono la formazione di placche e la risposta infiammatoria cronica nel cervello di modelli murini di malattia di Alzheimer, malattia di Parkinson, sclerosi laterale amiotrofica, ictus e altre malattie degenerative.

Il segnalamento di GLP-1 non influenza i livelli glicemici nelle persone non-diabetiche e le terapie che influenzano il segnalamento di GLP-1 hanno un buon profilo di sicurezza come mostrato dall'applicazione cronica di farmaci attualmente sul mercato ( Liraglutide [ Victoza ] ed Exendina-4 [ Exenatide; Byetta ] ).

Sulla base di ampie prove, diversi studi clinici sono attualmente in corso, e stanno valutando le attività di Liraglutide e di Exenatide nei pazienti con malattia di Alzheimer e malattia di Parkinson.
Pertanto, gli analoghi del GLP-1 potrebbero rappresentare un nuovo trattamento per la malattia di Alzheimer o altre malattie neurodegenerative. ( Xagena2012 )

Hölscher C, CNS Drugs 2012; 26: 871-882


Neuro2012 Endo2012 Farma2012


Indietro