Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rischio di neoplasia intracranica associata a radiazioni dopo radiochirurgia stereotassica


Una delle principali preoccupazioni dei pazienti che subiscono radiochirurgia stereotassica è il rischio a lungo termine di avere una neoplasia intracranica secondaria o, nel caso dei pazienti con tumori benigni trattati con questa tecnica, il rischio di trasformazione maligna.

L'incidenza della neoplasia intracranica associata alla radiochirurgia stereotassica rimane sconosciuta; pertanto, è stata stimata in uno studio basato sulla popolazione per valutare la sicurezza a lungo termine di questa tecnica.

È stato condotto uno studio di coorte multicentrico basato sulla popolazione in cinque Centri per la radiochirurgia a livello internazionale ( Na Homolce Hospital, Praga, Repubblica Ceca, n=2.655 pazienti; Ruber International Hospital, Madrid, Spagna, n=1.080; University of Pittsburgh Medical Center, Pittsburgh, PA, USA, n=1.027; Università della Virginia, Charlottesville, VA, USA, n=80; e NYU Langone Health System, New York, NY, USA, n=63 ).

I pazienti eleggibili erano di qualsiasi età e avevano subito radiochirurgia Gamma Knife per malformazione artero-venosa, nevralgia del trigemino o tumori intracranici benigni, che comprendevano schwannoma vestibolare o altri schwannomi benigni, meningiomi di grado 1 WHO, adenomi ipofisari ed emangioblastoma.

I pazienti sono stati esclusi se in precedenza avevano subito la radioterapia o non avevano avuto un tempo di follow-up minimo di 5 anni.

L'obiettivo principale dello studio era di stimare l'incidenza di neoplasie intracraniche associate alla radiochirurgia stereotassica, compresa la trasformazione maligna di una lesione benigna o lo sviluppo di un tumore intracranico secondario associato a radiazioni, definito all'interno della linea isodose di 2 Gy.

Le stime di incidenza corretta per età delle neoplasie primarie del sistema nervoso centrale negli Stati Uniti e nei Paesi europei sono state recuperate dal Central Brain Tumor Registry degli Stati Uniti ( CBTRUS ) e dall'International Agency for Research on Cancer Global ( IARC ).

Dei 14.168 pazienti sottoposti a radiochirurgia stereotassica Gamma Knife tra il 1987 e il 2011, nei cinque Centri partecipanti, 4.905 pazienti erano idonei per l'analisi ( avevano un follow-up minimo di 5 anni e nessuna storia precedente di radioterapia ).
Le entità diagnostiche comprendevano schwannomi vestibolari ( 1.011 su 4.905 pazienti, 20.6% ), meningiomi ( 1.490, 30.4% ), malformazioni artero-venose ( 1.089, 22.2% ), nevralgia del trigemino ( 565, 11.5% ), adenomi ipofisari ( 641, 13.1% ), emangioblastoma ( 29, 0.6% ) e altri schwannomi ( 80, 1.6% ).

Con un follow-up mediano di 8.1 anni, 2 su 3.251 pazienti ( 0.06% ) con tumori benigni sono stati diagnosticati con sospetta trasformazione maligna e in 1 paziente su 4.905 ( 0.02% ) è stato considerato un caso di neoplasia intracranica associata a radiochirurgia, con una incidenza di 6.87 per 100.000 anni-paziente per la trasformazione maligna e 2.26 per 100.000 anni-paziente per la neoplasia intracranica associata alla radiochirurgia.
2 su 4.905 pazienti ( 0.04% ) hanno sviluppato neoplasie intracraniche, che sono state giudicate non-correlate al campo di radiazioni.

L'incidenza complessiva di neoplasie associate alla radiochirurgia è stata di 6.80 per 100.000 anni-paziente, o un'incidenza cumulativa dello 0.045% in 10 anni.
L'incidenza complessiva di 6.8 per 100.000, che comprende centri europei e statunitensi, dopo radiochirurgia stereotassica è risultata simile al rischio di sviluppare un tumore maligno del sistema nervoso centrale nella popolazione generale degli Stati Uniti e in alcuni Paesi europei come stimato dai dati CBTRUS e IARC, rispettivamente.

I dati hanno mostrato che il rischio stimato di una neoplasia secondaria intracranica o di una trasformazione maligna di un tumore benigno in pazienti trattati con radiochirurgia stereotassica rimane basso nel follow-up a lungo termine ed è simile al rischio che la popolazione generale abbia un tumore primario del sistema nervoso centrale.
Sebbene studi prospettici di coorte con follow-up più lungo siano giustificati per supportare i risultati di questo studio, le evidenze disponibili suggeriscono la sicurezza a lungo termine della radiochirurgia stereotassica. ( Xagena2019 )

Wolf A et al, Lancet Oncology 2019; 20: 159-164

Onco2019 Neuro2019



Indietro