Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Malattia di Parkinson: utilità a lungo termine della stimolazione cerebrale profonda


I risultati di un piccolo studio canadese in cieco hanno dimostrato che i vantaggi sulla funzione motoria dipendenti dalla stimolazione cerebrale profonda per la malattia di Parkinson restano durevoli per oltre un decennio.

Tra i 18 pazienti valutati 10 anni dopo l'impianto del dispositivo, i punteggi totali di funzione motoria sono rimasti significativamente migliori con la stimolazione rispetto ai punteggi pre-impianto al basale o rispetto al dispositivo spento.

Il trattamento non ha impedito che si verificassero peggioramenti nel linguaggio, nella deambulazione e nella instabilità posturale.

Questi risultati vanno ad aggiungersi a quelli provenienti da studi con 5-8 anni di follow-up.

Sono stati seguiti 41 pazienti a cui erano stati impiantati dispositivi di stimolazione cerebrale profonda nei nuclei subtalamici bilaterali per la malattia di Parkinson in fase avanzata, presso un singolo Centro tra il 1996 e il 2000.

Dopo le valutazioni al basale nella fase pre-operatoria e un anno e 5 anni di follow-up post-impianto, 18 pazienti sono rimasti disponibili per la valutazione in cieco a 10 anni.
L'età media di questi pazienti al basale era di 53 anni.

Come confronto, è stata valutata la funzione motoria nel corso di 4 intervalli di 60 minuti: senza farmaci dopaminergici, ma con stimolazione attiva; senza farmaci e senza stimolazione; con farmaci dopaminergici alla stessa dose di Levodopa utilizzata in fase pre-operatoria, ma senza stimolazione; sia con farmaci che con stimolazione.

Per l’esito primario dello studio, la stimolazione cerebrale profonda senza farmaci antidopaminergici ha migliorato del 25.3% il punteggio totale Unified Parkinson’s Disease Rating Scale ( UPDRS ), rispetto a quando i pazienti non sono stati sottoposti ad alcun trattamento ( P=0.007 ).

Il farmaco da solo non ha avuto un impatto significativo sul punteggio totale valutato sulla stessa scala, ma ha solo determinato un aumento della rigidità ( punteggio in una sottoscala più basso del 33.8% rispetto a nessun farmaco / nessuna stimolazione ).

La stimolazione cerebrale profonda da sola ha migliorato i sottopunteggi per il tremore a riposo e durante il movimento alla scala UPDRS dell’85% e dell’87.5% rispettivamente ( P inferiore a 0.01 e P=0.02 ) e ha ridotto la bradicinesia del 23.1% ( P=0.01 ), rispetto ai sintomi presenti quando i pazienti non sono stati sottoposti ad alcun tipo di trattamento farmacologico o di stimolazione.

La combinazione di trattamenti ha determinato una combinazione dei rispettivi effetti, dimodochè i farmaci hanno incrementato in piccola parte gli effetti sull’attività motoria, rispetto a quanto osservato con la sola stimolazione.

I sintomi che hanno un impatto sulle attività della vita quotidiana ( problemi nel linguaggio, nella deambulazione, cadute ed episodi di freezing ) sono andati incontro a peggioramento nel periodo di follow-up da 5 a 10 anni nei confronti senza uso di farmaci.

Tuttavia il punteggio alla sottoscala delle attività nella vita quotidiana è rimasto migliore con la stimolazione rispetto al basale in ogni momento ( punteggio di 21.5 a 10 anni contro 28.2 al basale, P inferiore a 0.01 ).

I punteggi motori totali non sono cambiati significativamente nel corso di un decennio di follow-up nelle valutazioni senza stimolazione e i ricercatori hanno ritenuto questo dato probabilmente dipendente della lunga durata d’effetto della stimolazione dopo lo spegnimento dello stimolatore.

Ad ogni modo, con la stimolazione, i punteggi della funzione motoria sono rimasti significativamente migliori nel corso di tutto il follow-up rispetto al basale ( 38.8 a 10 anni rispetto a 50.2 al basale, P inferiore a 0.05 ).

Con la stimolazione i pazienti hanno avuto bisogno di meno farmaci per tutto il periodo di follow-up rispetto al basale come misurato dalla dose equivalente giornaliera di Levodopa ( 788.9 mg a 10 anni rispetto a 1.237.8 mg al basale, P inferiore a 0.01 ).

I punteggi per la discinesia e le fluttuazioni motorie sono rimasti significativamente inferiori a 10 anni con la stimolazione rispetto al basale.

I potenziali eventi avversi hanno incluso: tendenza alla perdita di peso nel corso del tempo ( sebbene ancora superiore a 10 anni rispetto al basale ); allucinazioni visive che si sono sviluppate in 5 pazienti dopo 5 anni; 3 casi di insorgenza di nuovi disturbi nel controllo degli impulsi 5 o 6 anni dopo l'impianto, probabilmente correlati al trattamento con agonisti della dopamina; progressivo declino cognitivo fino al raggiungimento della demenza in 3 casi; aprassia dell’apertura della palpebra trattata con iniezioni di Tossina botulinica ( Botox ); 2 casi di infezione correlati al dispositivo tra 5 e 10 anni di follow-up.

Sebbene sia mancato un gruppo di controllo di pazienti con malattia di Parkinson senza stimolazione, questi eventi avversi sembrano essere più legati alla progressione della malattia di Parkinson piuttosto che essere indotti dalla stimolazione.

Oltre che dalla mancanza di un gruppo di controllo, lo studio è stato anche limitato dalla mancanza di valutazione in doppio cieco, dalla dimensione del campione relativamente piccola e da un tasso di abbandono elevato ( il 30% dei soggetti è deceduto nel corso di 10 anni ). ( Xagena2011 )

Fonte: Archives of Neurology, 2011


Neuro2011



Indietro