Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Leucoencefalopatia multifocale progressiva fatale associata alla terapia con Efalizumab


La leucoencefalopatia multifocale progressiva ( PML ) è diventata molto più comune con il trattamento con l'anticorpo monoclonale per la sclerosi multipla e altre malattie immuno-mediate.

Sono stati riportati i casi di 2 pazienti con psoriasi grave e leucoencefalopatia multifocale progressiva fatale trattati per più di 3 anni con Efalizumab ( Raptiva ), un anticorpo neutralizzante diretto verso alfaLbeta2-leucointegrina ( LFA-1 ).

In un paziente, sono stati condotti studi seriali del sangue periferico e del liquido cerebrospinale, comprese le analisi dei fenotipi dei leucociti, migrazione ex-vivo, e tipi di CDR3 con i controlli provenienti da pazienti con leucoencefalopatia multifocale progressiva affetti da infezione da virus HIV.

Entrambi i pazienti hanno sviluppato progressivi deficit cognitivi e motori, e il virus JC è stato identificato nel liquido cerebrospinale.

Nonostante il trattamento comprendente la plasmaferesi e segni di ricostituzione immunitaria, entrambi sono morti a causa di leucoencefalopatia multifocale progressiva 2 e 6 mesi dopo l'insorgenza della malattia.

L'esame neuropatologico ha confermato la leucoencefalopatia multifocale progressiva.

Il trattamento con Efalizumab è stato associato a una ridotta migrazione transendoteliale delle cellule T periferiche in-vitro.

All’aumento graduale dei livelli di espressione di LFA-1 sulle cellule T periferiche dopo aferesi, la migrazione in-vitro è aumentata.

La tipizzazione delle cellule T periferiche e del liquido cerebrospinale ha mostrato espansione clonale delle cellule T CD8+, ma ridotta attivazione, che è stata ripristinata dopo plasmaferesi.

In conclusione, da questi dati si presume che l'inibizione della attivazione periferica e intratecale delle cellule T e la soppressione della fase di migrazione delle cellule effettrici del sistema nervoso centrale caratterizzino entrambi la leucoencefalopatia multifocale progressiva associata a Efalizumab.
LFA-1 può essere un fattore cruciale nel controllo omeostatico del virus JC. ( Xagena2012 )

Schwab N et al, Neurology 2012; 78: 458-467


Neuro2012 Inf2012 Dermo2012 Farma2012


Indietro