Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

La Teriflunomide, associata a Buparlisib, appare essere efficace nel trattamento del glioblastoma, un tumore del cervello


Il glioblastoma è un tumore al cervello aggressivo ed è la forma più comune di tumore cerebrale, rappresentando il 16% di tutte le neoplasie cerebrali. È considerato raro, colpendo 3 persone su 100.000 negli Stati Uniti, con 13.000 nuovi casi ogni anno.
Si diffonde in tutto il cervello, ma per ragioni non comprese, non-metastatizza al di fuori del cervello.

Il glioblastoma è molto difficile da trattare e ci sono stati diversi recenti fallimenti nella sperimentazione clinica di nuovi farmaci.
Tuttavia, recenti studi condotti da ricercatori della School of Medicine dell'Università della California a San Diego ( Stati Uniti ) su modelli murini appaiono promettenti.
Oltre alla terapia oncologica mirata, è stato fatto uso della Teriflunomide ( Aubagio ), un farmaco che trova attualmente indicazione nella sclerosi multipla.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Science Translational Medicine.

I ricercatori hanno osservato che anche quando la chemioterapia e la radioterapia uccidono la maggior parte delle cellule di glioblastoma di un paziente, non distruggono completamente le cellule staminali tumorali. Ciò consente al cancro di ripresentarsi.

Dalal ricerca nel modello murino con cellule tumorali di glioblastoma ottenute da pazienti affetti da questo tipo di tumore, è stato scoperto che le cellule del glioblastoma si sono ridotte significativamente quando esposte sia a Teriflunomide sia a un farmaco antitumorale mirato, BKM-120 ( Buparlisib ).

Teriflunomide agisce bloccando gli enzimi che formano la pirimidina. Le cellule di glioblastoma devono produrre elevate quantità di DNA, e la pirimidina è un elemento costitutivo del DNA.

Sono stati analizzati i dati genomici di centinaia di pazienti affetti da glioblastoma in sei diversi database e hanno scoperto che i pazienti con un metabolismo della pirimidina più elevato avevano una più ridotta sopravvivenza.

I ricercatori hanno testato due farmaci antitumorali mirati, BKM-120, che è più efficace nelle cellule di glioblastoma che mancano dell'enzima PTEN, e Lapatinib, che è più efficace nel trattamento dei tumori con mutazioni nel gene EGFR ( recettore del fattore di crescita dell'epidermide ).
Impiegando il solo BKM-120, i tumori sono diminuiti moderatamente e i topi hanno avuto tempi di sopravvivenza più lunghi rispetto ai topi trattati con placebo o ai topi trattati con Teriflunomide. Tuttavia, quando sono stati somministrati contemporaneamente Teriflunomide e BKM-120, i tumori hanno mostrato un restringimento molto più significativo e una sopravvivenza significativamente più lunga. ( Xagena2019 )

Fonte: University of California San Diego School of Medicine, 2019

Neuro2019 Onco2019 Farma2019


Indietro