Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

La Rivastigmina può prevenire le cadute nei pazienti con malattia di Parkinson


Uno studio clinico di fase II ha mostrato che il trattamento con alte dosi dell’inibitore dell'acetilcolinesterasi Rivastigmina ( Exelon ) riduce le cadute nei pazienti con malattia di Parkinson.

Il farmaco ha migliorato la stabilità della deambulazione, la variabilità dell’andatura, la velocità a piedi e l'equilibrio, con una riduzione dei tassi di caduta.

Nella malattia di Parkinson, una perdita della funzione colinergica contribuisce al freezing ( blocco motorio ) e ad altri cambiamenti nell’andatura, all’instabilità posturale e alla disfunzione cognitiva.

La Rivastigmina è approvata per il trattamento della demenza nella malattia di Parkinson, ma non per i problemi di andatura.

Lo studio ha incluso 130 pazienti con malattia di Parkinson in forma moderata ma stabile, senza demenza, che avevano avuto una media di 5 cadute nel corso dell'anno precedente. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a placebo oppure a Rivastigmina, con titolazione della dose da 3 mg al giorno a una dose target di 12 mg al giorno.

Per l'analisi primaria, i ricercatori hanno misurato l’instabilità dell'andatura mentre i partecipanti hanno compiuto un percorso di 18 metri indossando un accelerometro attorno alla vita. I pazienti che avevano bisogno di ausili per la deambulazione sono stati esclusi dallo studio, perché tali aiuti avrebbero potuto interferire con i segnali di accelerazione.

A 32 settimane, la Rivastigmina è risultata associata a una riduzione del 28% della variabilità step-time ( rapporto medio geometrico, GMR=0.72; intervallo di confidenza IC 95%, 0.58-0.89; P=0.002 ) rispetto al placebo, dopo aggiustamento per età, attività cognitiva, variabilità step-time e numero di precedenti cadute.

La variabilità step-time durante l’attività semplice è risultata solo leggermente migliorata rispetto al placebo ( riduzione del 21%; GMR aggiustato, 0.79; IC 95%, 0.62-0.99; P=0.045 ).

Non è emersa alcuna differenza significativa tra i gruppi nella attività complessa duplice ( riduzione del 19%; GMR=0.81; IC 95%, 0.60-1.09; P=0.17 ).

Dai diari dei pazienti sono state ottenute informazioni sul numero di cadute al mese. I pazienti nel gruppo di trattamento hanno presentato una riduzione del 45% nell’incidenza di cadute dopo aggiustamento per età, attività cognitiva al basale, cadute nel corso dell'anno precedente e variabilità step-time al basale durante la normale deambulazione.

La Rivastigmina non ha avuto effetti significativi sugli episodi di freezing nella andatura o sui risultati neuropsicologici, come paura di cadere, ansia o depressione.

Sono stati esaminati gli eventi avversi nel corso di 12 mesi, con 4 mesi oltre il periodo di intervento. Entrambi i gruppi hanno riportato un elevato numero di eventi avversi, ma gli eventi avversi gastrointestinali, come nausea e vomito, sono risultati più comuni nel gruppo di trattamento.

Solo due eventi avversi nel gruppo Rivastigmina ( entrambi peggioramento del parkinsonismo ) sono stati collegati al trattamento. ( Xagena2016 )

Fonte: The Lancet Neurology, 2016

Neuro2016 Farma2016


Indietro