Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

La PET ha mostrato un aumento del rischio di demenza con le statine lipofile


La PET ( tomografia a emissione di positroni ) ha mostrato che l'uso di statine lipofile da parte dei pazienti con lieve declino cognitivo ha un impatto significativo sulla corteccia cingolata posteriore, l'area del cervello che è coinvolta nella fase iniziale della malattia di Alzheimer.

I ricercatori dell'Università della California a Los Angeles ( UCLA ) hanno osservato che il metabolismo in quest'area del cervello è significativamente ridotto nei pazienti che assumono statine lipofile, che presentano un rischio più che doppio di sviluppare demenza rispetto ai pazienti simili che non assumono questi farmaci.

Le statine sono farmaci ampiamente utilizzati per abbassare il colesterolo e ridurre il rischio di infarto miocardico e ictus.

Molti studi hanno indicato un rischio più elevato associato alle statine lipofile per il fatto che sono in grado di attraversare con più facilità la barriera emato-encefalica.
Ad oggi, tuttavia, i ricercatori non sono stati in grado di identificare un legame diretto tra il farmaco e il declino cognitivo.

L'obiettivo del nuovo studio era quello di chiarire la relazione tra l'uso di statine e il percorso cognitivo a lungo termine.

Sono state confrontate le scansioni 18F-FDG PET che hanno mostrato la penetrazione della barriera emato-encefalica nei pazienti che facevano uso di statine con moderata lipofilia ( Atorvastatina ) o con alta lipofilia ( Simvastatina ) rispetto ai pazienti che non facevano uso di statine o che usavano altre statine.
Sono stati anche esaminati 8 anni di dati clinici.

I 392 pazienti con lieve deterioramento cognitivo sono stati divisi in gruppi in base a tre parametri: stato cognitivo di base, livelli di colesterolo di base e tipo di statina utilizzata.

Durante il periodo di 8 anni più pazienti nel gruppo statine lipofile sono progrediti verso la demenza rispetto ai pazienti che non assumevano statine: rispettivamente 24% e 10%.
Non sono state riscontrate differenze significative tra i pazienti che assumevano altre statine e quelli che non le assumevano.

I ricercatori sono stati in grado di identificare solo un declino nel metabolismo del cingolo posteriore nei pazienti trattati con statine lipofile.
In particolare, questi risultati hanno indicato un rischio più che doppio tra i consumatori di statine lipofile nello sviluppo di demenza. ( Xagena2021 )

Fonte: Society of Nuclear Medicine and Molecular Imaging ( SNMMI ) Annual Meeting, 2021

Cardio2021 Neuro2021 Farma2021


Indietro