Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

La Memantina nel trattamento del Morbo di Alzheimer


A cura di Vincenzo Nardozza , Neurologo

La Memantina, un anti glutamatergico, è una sostanza che riduce il deterioramento nel Morbo di Alzheimer in accordo con i risultati di uno studio randomizzato, placebo-controllato.

Il glutammato è il principale neurotrasmettitore eccitatorio nell'encefalo. Un'eccessiva stimolazione glutamergica può però determinare un danno neuronale che porta ad una condizione patologica di neurotossicità. Tale condizione di eccitotossicità infine favorisce un accumulo di calcio all'interno del neurone, fenomeno che si osserva in numerosi processi neurodegenerativi.

In particolare il glutammato stimola i recettori postsinaptici inclusi quelli per l'N- Metil-D-Aspartato ( NMDA ), che è particolarmente implicato nei processi di memorizzazione, e quindi nella demenza.
La Memantina, antagonista non competitivo NMDA recettoriale, può avere pertanto importanza terapeutica nella Malattia di Alzheimer.

Gli Autori hanno pertanto voluto verificare se un trattamento antiglutamatergico ( 20 mg di Memantina ) potesse ridurre il deterioramento mentale che si osserva nell’Alzheimer a seguito di tale sovrastimolazione.

Sono stati arruolati 252 pazienti provenienti da 32 centri americani ; 181 di questi pazienti ( il 72% della casistica ) ha completato lo studio durato 28 settimane.
Dei 71 pazienti che sono usciti dallo studio , 42 erano stati assegnati al gruppo placebo e 29 al gruppo Memantina .

Tra coloro che hanno completato lo studio ( n=181 ) i pazienti del gruppo Memantina ( n= 97 ) ha ottenuto i risultati migliori rispetto ai pazienti trattati con placebo ( n=84 ).

La Memantina non ha causato un significativo numero di effetti indesiderati. Anzi sono risultati più frequenti nel gruppo placebo.
I più comuni effetti collaterali riportati in entrambi i gruppi sono stati : agitazione, incontinenza urinaria, infezioni delle vie urinarie, insonnia e diarrea.

Nonostante che l'alto tasso di drop-out ( cioè dei pazienti che hanno interrotto il trattamento ) limiti l'interpretazione dei risultati, gli Autori ritengono che la Memantina sia in grado di ridurre il deterioramento mentale da grave a moderato.

Tali risultati non sono direttamente comparabili con quelli di studi clinici in cui sono stati valutati altri farmaci , poiché in questi ultimi sono stati arruolati pazienti con moderato deterioramento .

Sono necessari studi per verificare se l'associazione tra Memantina ed i farmaci colinergici sia complementare o sinergica. ( Xagena2003 )
Reisberg B et al , N Engl J Med. 2003:348:1333 – 1341


Neuro2003 Farma2003


Indietro