Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

La creatinina sierica è un biomarcatore di denervazione progressiva nell'atrofia muscolare spinale


L'identificazione dei biomarcatori semplici in grado di prevedere o monitorare la progressione della malattia nei pazienti con atrofia muscolare spinale ( SMA ) rimane un'esigenza clinica insoddisfatta.
Per esaminare l'ipotesi secondo cui la creatinina sierica può essere un biomarcatore prognostico per il monitoraggio della progressione della denervazione nei pazienti con atrofia muscolare spinale, si è determinato se la concentrazione sierica di creatinina sia correlata alla gravità della malattia in questa popolazione di pazienti.

È stata esaminata una coorte di 238 pazienti con atrofia muscolare spinale con 1.130 osservazioni di creatinina tra il 2000 e il 2016.
Le analisi sono state corrette per l'età.
Un totale di 156 pazienti con atrofia muscolare spinale aveva dati di assorbimetria a raggi X a doppia energia disponibili per la correzione per la massa magra.

È stata studiata la relazione tra creatinina e tipo di atrofia muscolare spinale, copie del gene SMN2 ( sopravvivenza del motoneurone 2 ) e punteggio alla scala HFMS ( Hammersmith Functional Motor Scale ) come esiti primari.
Inoltre, sono state testate le associazioni tra creatinina e l'ampiezza massima del potenziale d'azione muscolare composto ulnare ( CMAP ) e la stima del numero di unità motorie ( MUNE ).

I pazienti con atrofia SMA di tipo 3 avevano livelli sierici di creatinina 2.2 volte ( P minore di 0.0001 ) superiori rispetto a quelli conatrofia SMA di tipo 1 e livelli siertici di creatinina 1.7 volte ( P minore di 0.0001 ) superiori rispetto ai pazienti con atrofia SMA di tipo 2.
I pazienti con atrofia SMA di tipo 2 avevano livelli sierici di creatinina 1.4 volte ( P minore di 0.0001 ) superiori rispetto ai pazienti con atrofia SMA di tipo 1.

I pazienti con atrofia SMA con 4 copie di SMN2 avevano livelli di creatinina 1.8 volte ( P minore di 0.0001 ) più alti rispetto ai pazienti con atrofia SMA con 2 copie di SMN2 e livelli di creatinina 1.4 volte ( P minore di 0.0001 ) più alti rispetto ai pazienti con atrofia SMA con 3 copie di SMN2.

I pazienti con atrofia SMA con 3 copie di SMN2 avevano livelli di creatinina 1.4 volte ( P minore di 0.0001 ) superiori rispetto ai pazienti con atrofia SMA con 2 copie di SMN2.

Il modello a effetti misti ha rivelato differenze significative nei livelli di creatinina tra walkers, cioè pazienti con deambulazione autonoma; sitter, cioè pazienti che possono stare seduti da soli; e non-sitter, cioè pazienti senza la capacità di stare seduti da soli ( P minore di 0.0001 ) e associazioni positive tra creatinina e CMAP massimo ( P minore di 0.0001 ) e tra creatinina e MUNE ( P minore di 0.0001 ).

Dopo la correzione per la massa magra, c'erano ancora associazioni significative tra creatinina e tipo di SMA, copie di SMN2, HFMS, CMAP e MUNE.

Dallo studio è emerso che i livelli ridotti di creatinina riflettono la gravità della malattia, suggerendo che creatinina è un biomarcatore candidato per la progressione della atrofia muscolare spinale.
Le misurazioni di creatinina dovrebbero essere incluse nell'analisi di routine di tutti i pazienti con atrofia muscolare spinale.
Negli studi futuri, sarà importante determinare se i livelli di creatinina rispondono alle terapie molecolari e geniche. ( Xagena2020 )

Alves CRR et al, Neurology 2020, 94: 921-931

Neuro2020 MalRar2020 Med2020



Indietro