Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

La Cannabis ad alta potenza associata a danno cerebrale


Fumare Cannabis ad alta potenza può causare danni alla materia bianca nel corpo calloso, interferendo così con la comunicazione tra gli emisferi destro e sinistro del cervello.
Queste le conclusioni di uno studio compiuto da ricercatori dell’Università Sapienza di Roma e del King's College London di Londra.

I ricercatori hanno trovato che gli utilizzatori di Cannabis con un alto contenuto di delta-9-tetraidrocannabinolo ( THC ) e gli utilizzatori giornalieri hanno presentato un aumento significativo della diffusività media, una misura della integrità della sostanza bianca nel corpo calloso.
In particolare, i cambiamenti sono stati osservati nei soggetti sia con sia senza psicosi.

Lo studio ha riguardato 56 pazienti con primo episodio di psicosi della zona Sud-Est di Londra, nel Regno Unito, e 43 individui senza psicosi della stessa zona.

A seguito di una valutazione clinica e valutazione dell'uso di Cannabis, i partecipanti sono stati sottoposti a risonanza magnetica con tensore di diffusione del corpo calloso, che studi precedenti avevano dimostrato essere ricco di recettori dei cannabinoidi.

Il corpo calloso è stato praticamente sezionato usando trattografia, e l'indice di diffusione della anisotropia frazionaria, la diffusività media, assiale e radiale, sono state calcolate per ogni segmento.

I partecipanti erano simili per quanto riguardava l'età, il sesso, l’etnia, e l’educazione.

Dei soggetti con primo epsisodio di psicosi, il 70% non aveva mai usato Cannabis ( durata media, 7.6 anni ), rispetto al 52% dei soggetti senza primo espisodio di psicosi ( durata media, 7.2 anni ).

La Cannabis era usata quotidianamente dal 70% e dal 50%, rispettivamente, dai partecipanti con primo episodio di psicosi e senza psicosi; la Cannabis di potenza elevata era stata utilizzata, rispettivamente, dal 46% e dal 30% dei soggetti.
L'età al primo utilizzo era inferiore a 15 anni per il 32.4% dei partecipanti con primo episodio di psicosi contro il 27.3% di quelli senza primo episodio psicotico.

La risonanza magnetica con tensore di diffusione ha rivelato che, nel complesso, per gli individui che erano utilizzatori di Cannabis di potenza elevata, sia la diffusività media totale sia la diffusività assiale totale nel corpo calloso erano significativamente più alti rispetto agli utilizzatori di Cannabis di bassa potenza e per coloro che non avevano mai fatto uso di Cannabis ( p=0.005 per diffusività media e P = 0.004 per diffusività assiale ).

Di particolare interesse il fatto che i cambiamenti della materia bianca associati con l'uso di Cannabis ad alta potenza erano simili nei soggetti con o senza primo episodio psicotico.
Erano più pronunciati nei soggetti senza psicosi e non sono stati influenzati dall’età al primo utilizzo.

Questi risultati suggeriscono che il danno alla sostanza bianca del corpo calloso non è il meccanismo alla base dell’apparente associazione tra uso di Cannabis ad alta potenza e psicosi.
Tuttavia, studi precedenti avevano dimostrato che il rischio di sviluppare psicosi è maggiore, e l’esordio avviene prima, in quegli individui che fanno un uso più frequente della Cannabis e in quelli che usano la Cannabis con alto contenuto di THC.

Con la crescente disponibilità di Cannabis di potenza elevata le persone più giovani, in particolare, devono essere educate circa i rischi connessi con la droga. ( Xagena2015 )

Fonte: Psychological Medicine, 2015

Neuro2015 Psyche2015



Indietro