Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Insonnia e aumentato rischio di insufficienza cardiaca


Le persone che soffrono di insonnia sembrano avere un aumentato rischio di sviluppare insufficienza cardiaca.

Lo studio, pubblicato sull'European Heart Journal ( EHJ ), ha seguito 54.279 persone di età compresa tra i 20 e gli 89 anni, per una media di più di 11 anni, ed ha trovato che coloro che soffrivano di tre sintomi dell’insonnia avevano un rischio 3 volte maggiore di sviluppare scompenso cardiaco, rispetto ai soggetti senza sintomi di insonnia.

I ricercatori hanno correlato il rischio di insufficienza cardiaca a tre importanti sintomi di insonnia: difficoltà ad addormentarsi, problemi nel mantenere il sonno, e svegliarsi al mattino senza sentirsi riposati.

E’stato osservato che le persone che soffrivano di insonnia presentavano un aumentato rischio di andare incontro a insufficienza cardiaca.
Coloro che avevano dichiarato di soffrire di tutti e tre i sintomi di insonnia, contemporaneamente, erano a rischio notevolmente più alto rispetto a quelli che non avevano sintomi o solo uno o due sintomi.

Tuttavia, anche se lo studio ha dimostrato che l'insonnia è correlata a un aumentato rischio di scompenso cardiaco, non è stato chiarito il meccanismo alla base.
Secondo i ricercatori, ciò potrebbe avere cause biologiche, e una possibile spiegazione potrebbe essere che l'insonnia attiva nell’organismo risposte di stress, che potrebbero influenzare negativamente la funzione cardiaca.

I ricercatori hanno preso in esame i dati di uomini e di donne arruolate nello studio Nord-Trondelag Health ( HUNT ) tra il 1995 e il 1997, e che non soffrivano di insufficienza cardiaca al momento dell’arruolamento.
I ricercatori hanno seguito i partecipanti fino al 2008; i casi di scompenso cardiaco sono stati in totale pari a 1.412.

Dopo aggiustamento per i fattori che avrebbero potuto influenzare i risultati, come età, sesso, stato civile, istruzione, lavoro a turni, pressione sanguigna, colesterolo, diabete mellito, indice di massa corporea, attività fisica, fumo, alcol, precedente infarto miocardico, depressione e ansia , i ricercatori hanno scoperto che l’avere difficoltà ad andare a dormire, il mantenere il sonno quasi ogni notte, e l’avere un sonno non-ristoratore più di una volta a settimana erano associati a un aumentato rischio di insufficienza cardiaca, rispetto alle persone che non avevano mai, o raramente, sofferto di questi sintomi.

E’stata riscontrata una tendenza di legame tra la frequenza dei sintomi e il più alto rischio.

Quando è stato esaminato il numero di sintomi, i ricercatori hanno trovato un aumento statisticamente significativo ( 353% ), un aumento del rischio di tre volte di infarto miocardico per le persone che avevano tutti e tre i sintomi di insonnia, rispetto a quelli con nessuno, dopo aggiustamento per la maggior parte dei fattori di confondimento, ad eccezione della depressione e dell’ansia. Quando è stata inserita anche la depressione e l'ansia, il rischio di insufficienza cardiaca è risultato più elevato ( 425% ).

In conclusione, è stato osservato un aumento del rischio, definito moderato, correlato ai singoli sintomi di insonnia.
Tuttavia, il rischio tra i soggetti con tutti e tre i sintomi, contemporaneamente, di insonnia è stato particolarmente elevato, anche dopo aggiustamento per i noti fattori di rischio cardiovascolare e per lo stress psicologico. ( Xagena2013 )

Fonte: European Society of Cardiology, 2013

Neuro2013 Cardio2013



Indietro