Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Inebilizumab per il trattamento del disturbo dello spettro della neuromielite ottica: studio N-MOmentum


Non esistono terapie approvate per il disturbo dello spettro della neuromielite ottica ( NMOSD ), una malattia infiammatoria rara, recidivante, autoimmune, del sistema nervoso centrale che causa cecità e paralisi.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza di Inebilizumab, un anticorpo anti-CD19, di deplezione delle cellule B, nel ridurre il rischio di attacchi e disabilità da NMOSD.

È stato condotto uno studio multicentrico, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo in fase 2/3 presso 99 cliniche specializzate ambulatoriali o ospedali in 25 Paesi.
I partecipanti eleggibili erano adulti di età a partire da 18 anni con una diagnosi di NMOSD, un punteggio alla scala EDSS ( Expanded Disability Status Scale ) di 8.0 o meno e una storia di almeno un attacco che richiedeva terapia di salvataggio nell'anno precedente lo screening o di almeno due attacchi con necessità di terapia di salvataggio nei 2 anni prima dello screening.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a 300 mg di Inebilizumab per via endovenosa oppure a placebo.
Inebilizumab o placebo è stato somministrato nei giorni 1 e 15.

L'endpoint primario era il tempo di insorgenza di un attacco da NMOSD. Gli endpoint di efficacia sono stati valutati in tutti i pazienti assegnati in modo casuale che hanno ricevuto almeno una dose di intervento dello studio; gli endpoint di sicurezza sono stati valutati nella popolazione trattata.

Tra il 2015 e il 2018, 230 partecipanti sono stati assegnati in modo casuale al trattamento e dosati; 174 hanno ricevuto Inebilizumab e 56 placebo.

Il periodo randomizzato e controllato è stato interrotto prima del completo arruolamento, come raccomandato dal Comitato indipendente di monitoraggio dei dati, a causa di una chiara dimostrazione di efficacia.

21 partecipanti su 174 ( 12% ) che hanno ricevuto Inebilizumab hanno presentato un attacco rispetto a 22 su 56 ( 39% ) trattati con placebo ( hazard ratio, HR=0.272; P minore di 0.0001 ).

Eventi avversi si sono verificati in 125 partecipanti su 174 ( 72% ) che hanno ricevuto Inebilizumab e in 41 su 56 ( 73% ) assegnati a placebo.

Rispetto al placebo, Inebilizumab ha ridotto il rischio di un attacco da NMOSD.
Inebilizumab ha manifestato una potenziale applicazione come trattamento basato sull'evidenza per i pazienti con disturbo dello spettro della neuromielite ottica. ( Xagena2019 )

Cree BAC et al, Lancet 2019; 394: 1352-1363

Neuro2019 MalRar2019 Med2019 Farma2019


Indietro