Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Immunoglobuline per via endovenosa per poliradiculoneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica


La poliradiculoneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica ( CIDP ) causa debolezza e intorpidimento degli arti in modo progressivo o recidivante, sviluppandosi in almeno due mesi.
Studi non-controllati hanno indicato che l’immunoglobulina per via endovenosa ( IVIg ) possa essere d’aiuto.

Una revisione di 8 studi randomizzati aggiornata al 2013 ha incluso in totale 332 partecipanti per esaminare la sicurezza e l’efficacia della immunoglobulina per via endovenosa nella poliradiculoneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica.
Questi studi erano omogenei e il rischio complessivo di bias basso.

Cinque studi, per un totale di 235 partecipanti, hanno confrontato Immunoglobulina per vie endovenosa con un placebo; 1 studio con 20 partecipanti ha confrontato IVIg con la plasmaferesi; 1 studio ha confrontato IVIg con Prednisolone in 32 partecipanti; 1 studio, recentemente incluso in questo aggiornamento, ha confrontato l’Immunoglobulina e.v. con Metilprednisolone per via endovenosa in 46 partecipanti.

Una percentuale significativamente maggiore di partecipanti è migliorata relativamente alla disabilità entro un mese dopo il trattamento con Immunoglobulina per via endovenosa rispetto al placebo ( risk ratio, RR=2.40; numero necessario da trattare [ NNT ] per un esito positivo aggiuntivo 3.03, evidenze di alta qualità ).

Non si è potuto dedurre da questa analisi se tutti questi miglioramenti sono stati ugualmente clinicamente rilevanti perché ogni studio ha utilizzato scale di disabilità e definizioni di miglioramento significativo differenti.

In 3 studi, con 84 partecipanti, il punteggio della disabilità è stato trasformato nel punteggio di Rankin modificato, in cui il miglioramento di un punto dopo il trattamento con IVIg rispetto al placebo è stato scarsamente significativo ( RR=2.40 ) ( evidenza di qualità moderata ).

Solo 1 studio controllato con placebo incluso in questa revisione ha avuto un lungo periodo di follow-up.
I risultati di questo studio hanno mostrato che IVIg migliora la disabilità in misura maggiore del placebo alla settimana 24 e 48.

Il punteggio medio di disabilità non ha rivelato alcuna differenza significativa tra Immunoglobulina per via endovenosa e la plasmaferesi a 6 settimane ( evidenza di qualità moderata ).

Non c'è stata differenza significativa nel miglioramento della disabilità con Prednisolone a confronto con Immunoglobulina per via endovenosa dopo 2 o 6 settimane, oppure con Metilprednisolone rispetto a Immunoglobulina per via endovenosa dopo 2 settimane o 6 mesi ( evidenza di qualità moderata ).

Non ci sono state differenze statisticamente significative nella frequenza degli effetti collaterali tra i 3 tipi di trattamento per i quali erano disponibili i dati ( IVIg versus placebo o steroidi ) ( evidenze di qualità moderata o alta ).

Sono stati rilevati eventi avversi lievi e transitori nel 49% dei partecipanti trattati con Immunoglobuline per via endovenosa, mentre eventi avversi gravi sono stati riscontrati nel 6% dei pazienti.

In conclusione, l'evidenza da studi randomizzati ha dimostrato che l’Immunoglobulina per via endovenosa migliora la disabilità per almeno 2-6 settimane rispetto al placebo, con un NNTB di 3.
Durante questo periodo l’Immunoglobulina per via intravenosa ha un'efficacia simile alla plasmaferesi, a Prednisolone orale e a Metilprednisolone per via endovenosa.
In un ampio studio, il beneficio di IVIg è rimasto evidente per 24 e probabilmente 48 settimane.
Sono necessarie ulteriori ricerche per confrontare i benefici a lungo termine, così come gli effetti collaterali delle Immunoglobuline per via endovenosa con altri trattamenti. ( Xagena2013 )

Eftimov F et al, Cochrane Database Syst Rev 2013; 12

Neuro2013 Farma2013


Indietro