Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Immunoglobulina sottocutanea per il trattamento di mantenimento nella polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica


Circa due terzi dei pazienti con polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica ( CIDP ) necessitano di Immunoglobulina endovenosa a lungo termine.
La somministrazione sottocutanea di Immunoglobulina ( SCIg ) è una opzione alternativa per la somministrazione di immunoglobuline, ma non è stata precedentemente studiata in un ampio studio su polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica.

Lo studio PATH ha confrontato i tassi di recidiva nei pazienti trattati con Immunoglobulina per via sottocutanea rispetto al placebo.

Tra il 2012 e il 2016, sono stati studiati pazienti provenienti da 69 Centri per patologie neuromuscolari in Nord America, Europa, Israele, Australia e Giappone.
Gli adulti con polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica definita o probabile che hanno risposto al trattamento con immunoglobuline per via endovenosa erano idonei.
Sono stati assegnati in modo casuale i partecipanti a 0.2 g/kg o 0.4 g/kg di una soluzione al 20% di immunoglobuline per via sottocutanea ( IgPro20 ) settimanale versus placebo ( soluzione di albumina umana 2% ) per il trattamento di mantenimento per 24 settimane.

È stata effettuata la randomizzazione stratificando per regione ( Giappone o non-Giappone ).

L'esito primario era la proporzione di pazienti con una recidiva di polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica o che sono stati ritirati per qualsiasi altra ragione durante 24 settimane di trattamento.

Nello studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, sono stati assegnati 172 pazienti in maniera casuale: 57 ( 33% ) al gruppo placebo, 57 ( 33% ) al gruppo a basso dosaggio, e 58 ( 34% ) al gruppo ad alto dosaggio.

Nel gruppo intention-to-treat, 36 pazienti con placebo ( 63% ), 22 con Immunoglobulina per via sottocutanea a basso dosaggio ( 39% ) e 19 con Immunoglobulina per via sottocutanea ad alto dosaggio ( 33%) sono andati incontro a una ricaduta o sono stati ritirati dallo studio per altri motivi ( P=0.0007 ).

Le riduzioni del rischio assoluto sono state del 25% per bassa dose vs placebo ( P=0.007 ), 30% per alta dose versus placebo ( P=0.001 ), e 6% per alta dose versus bassa dose ( P=0.32 ).

Eventi avversi correlati si sono verificati in 47 pazienti ( 27%; 10, 18%, nel gruppo placebo, 17, 30%, nel gruppo a basso dosaggio e 20, 34%, nel gruppo ad alto dosaggio ).

In tutto 6 pazienti ( 3% ) hanno manifestato 11 eventi avversi gravi: un paziente ( 2% ) nel gruppo placebo, 3 ( 5% ) nel gruppo a basso dosaggio e 2 ( 3% ) nel gruppo ad alto dosaggio; solo uno ( reazione cutanea allergica acuta nel gruppo a basso dosaggio ) è stato valutato come causalmente correlato.

Lo studio, ad oggi il più grande studio sulla polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica, e il primo a studiare due somministrazioni di immunoglobuline e due dosi, ha dimostrato che entrambe le dosi di IgPro20 sono state efficaci e ben tollerate, suggerendo che le immunoglobuline per via sottocutanea possono essere usate come trattamento di mantenimento per la polineuropatia demielinizzante infiammatoria cronica. ( Xagena2018 )

van Schaik IN et al, Lancet Neurol 2018; 17: 35-46

Neuro2018 Farma2018


Indietro