Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Ictus ischemico acuto: la terapia endovascolare non superiore al trattamento standard a base di tPA


I risultati di due studi hanno mostrato risultati simili per la terapia endovascolare per via endovenosa e per il trattamento con attivatore tissutale del plasminogeno ( tPA; Alteplase; Actilyse ) nei pazienti con ictus ischemico acuto.

Lo sviluppo di più efficaci agenti litici per via endovenosa e di dispositivi endovascolari per il trattamento dei pazienti con ictus ischemico acuto è di importanza fondamentale, dal momento che la maggior parte di questi pazienti presentano ancora notevole invalidità dopo il trattamento.

Gli studi sono stati pubblicati sul The New England Journal of Medicine ( NEJM ).

In uno studio sono stati analizzati 362 pazienti con ictus ischemico acuto. Entro 4.5 ore dopo l'insorgenza dell'ictus, i pazienti sono stati assegnati in modo casuale alla terapia endovascolare ( trombolisi intra-arteriosa con attivatore tissutale del plasminogeno ricombinante ), distruzione meccanica del coagulo, o una combinazione di approcci, n = 181 ) o tPA per via endovenosa ( n=181 ).

L'esito primario era la sopravvivenza senza disabilità a 3 mesi.

A 3 mesi, il 30.4% dei pazienti del gruppo terapia endovascolare e il 34.8% di coloro che erano stati assegnati al gruppo tPA per via endovenosa erano vivi senza disabilità ( odds ratio, OR=0.71 ).
Il 6% dei pazienti in ciascun gruppo è andato incontro ad emorragia intracranica fatale o non-fatale entro 7 giorni.

Non sono emerse differenze significative nei tassi di altri eventi avversi gravi o nel tasso di mortalità tra la terapia endovascolare e il trattamento con tPA.

Lo studio non ha, pertanto, fornito supporto per l'utilizzo della terapia endovascolare anziché il solo trattamento per via endovenosa.

Un secondo studio ha mostrato che la dipendenza funzionale a 90 giorni dopo un ictus non era migliore per i pazienti trattati con la terapia endovascolare e tPA per via endovenosa, rispetto al solo tPA.

Lo studio IMS III ha riguardato 656 pazienti affetti da ictus ischemico acuto moderato-grave, assegnati in modo casuale a tPA entro 3 ore dalla insorgenza dei sintomi più terapia endovascolare ( n=434 ) oppure al solo tPA ( n=222 ).

Lo studio è stato interrotto precocemente dopo che il Data and Safety Monitoring Board ha notato che i risultati a 90 giorni non erano differenti tra i due gruppi.

I risultati non hanno mostrato alcuna differenza significativa nella percentuale di partecipanti con un punteggio Rankin modificato di 2 o inferiore a 90 giorni ( 40.8% con la terapia endovascolare versus 38.7% con tPA; differenza assoluta aggiustata, 1.5 punti percentuali ), e nessuna differenza significativa per i sottogruppi predefiniti dei pazienti con un punteggio NIHSS ( National Institutes of Health Stroke Scale ) di 20 o superiore ( 6.8 punti percentuali ), oppure 19 o inferiore ( -1 punto percentuale ).

La mortalità a 90 giorni è stata del 19.1% nei pazienti del gruppo terapia endovascolare e del 21.6% nei pazienti assegnati a tPA ( P=0.52 ).

La proporzione dei pazienti che hanno presentato emorragia intracerebrale sintomatica entro 30 ore dopo la somministrazione di tPA è risultata simile ( 6.2% vs 5.9%, rispettivamente, p=0.83 ). ( Xagena2013 )

Fonte: International Stroke Conference, 2013

Neuro2013 Chiru2013 Farma2013


Indietro