Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Fremanezumab può aiutare a ridurre l'abuso di farmaci nell'emicrania cronica


Il trattamento con Fremanezumab può aiutare a ridurre l'uso eccessivo di farmaci e il numero di giorni di uso acuto di farmaci in soggetti con emicrania cronica, secondo una ricerca presentata all’American Headache Society Annual Scientific Meeting del 2018, a San Francisco, California.

I farmaci contro la cefalea, compresi gli oppiacei, i triptani, i derivati ​​dell'Ergot e le combinazioni di farmaci analgesici, hanno il potenziale di essere oggetto di abuso da parte dei pazienti con emicrania cronica.

Fremanezumab, un anticorpo monoclonale umanizzato contro il peptide correlato al gene della calcitonina, ha mostrato efficacia in precedenti studi clinici nel ridurre la gravità e la frequenza del mal di testa nell'emicrania cronica.

Nello studio di fase 3, controllato con placebo, le persone con emicrania cronica sono state assegnate casualmente a ricevere Fremanezumab trimestrale ( una iniezione sottocutanea di 675 mg al basale, n=201 ) seguita da iniezioni di placebo alle settimane 4 e 8; solo Fremanezumab mensile ( iniezioni mensili: 675 mg al basale, 225 mg alle settimane 4 e 8, n=198 ); placebo ( n=188 ) per un periodo di 12 settimane.

L'uso eccessivo di farmaci è stato definito come l'uso di farmaci per cefalea acuta uguale o superiore a 15 giorni, l'uso di farmaci acuti specifici per l'emicrania uguale o superiore a 10 giorni o l'uso di farmaci combinati per cefalea uguale o superiore a 10 giorni nell'arco di 28 giorni.

Una percentuale maggiore di partecipanti allo studio trattati con Fremanezumab, rispetto al placebo, ha indicato una mancanza di uso eccessivo di farmaci durante il periodo di studio ( Fremanezumab trimestrale, 55%, P=0.0389; Fremanezumab mensile, 61%, P=0.0024; placebo, 46% ).
Questo effetto del trattamento farmacologico è risultato evidente a partire dalla settimana 4 ( Fremanezumab trimestrale, 51%, P=0.001; Fremanezumab mensile, 54%, P=0.0014; placebo, 39% ).

Il numero di giorni con eccesso di utilizzo di farmaci per il mal di testa al basale è stato comparabile tra i gruppi nei partecipanti che rispondevano al trattamento ( Fremanezumab trimestrale: n=111, 16.6 giorni; Fremanezumab mensile: n=120, 16.7 giorni; placebo: n=87, 16.6 giorni ).

In questi pazienti, il trattamento con Fremanezumab ha portato anche a un minore uso di farmaci contro il mal di testa durante il periodo di studio di 12 settimane rispetto al placebo ( Fremanezumab trimestrale: -9.0 giorni, P=0.0017; Fremanezumab mensile: -8.9 giorni, P=0.0040; placebo: -7.1 giorni ). ( Xagena2018 )

Fonte: American Headache Society ( AHS ) Annual Meeting, 2018

Neuro2018 Farma2018


Indietro