Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Fingolimod orale per la poliradicoloneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica: studio FORCIDP


Fingolimod ( Gilenya ) è approvato per il trattamento della sclerosi multipla recidivante - remittente, e ha dimostrato efficacia nella neurite autoimmune sperimentale nei ratti, un possibile modello per la poliradicoloneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica ( CIDP ).

È stata valutata l'efficacia di Fingolimod nel ritardare la progressione della disabilità nei pazienti con poliradicoloneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica che si sono ritirati dai trattamenti attualmente efficaci ( Immunoglobulina per via endovenosa [ IgIV ], o corticosteroidi ).

È stato condotto uno studio in doppio cieco, multicentrico, randomizzato, controllato con placebo, a gruppi paralleli, condotto in 48 Centri neurologici in Australia, Canada, Israele, Giappone, Stati Uniti e in 9 Paesi in Europa.

I partecipanti con poliradicoloneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica che stavano ricevendo immunoglobuline per via endovenosa o corticosteroidi sono stati assegnati in modo casuale a Fingolimod orale 1.5 mg oppure a placebo una volta al giorno.

Grazie al disegno dello studio guidato dagli eventi, la durata del trattamento è stata flessibile e poteva arrivare fino a 4.5 anni.
La randomizzazione è stata stratificata in base ai punteggi della scala di disabilità INCAT ( Inflammatory Neuropathy Cause And Treatment ).

Il trattamento precedente con Immunoglobulina per via endovenosa è stato interrotto dopo un ultimo ciclo conclusosi il giorno prima della somministrazione della prima dose di Fingolimod o placebo, mentre i corticosteroidi sono diminuiti gradualmente dopo 8 settimane dalla randomizzazione.

L'endpoint primario era il tempo al primo peggioramento confermato ( aumento di più di 1 punto sul punteggio sulla scala di disabilità INCAT corretto rispetto al basale ) ed è stato valutato nell'insieme completo di analisi, che consisteva di tutti i pazienti sottoposti a randomizzazione con almeno una valutazione di efficacia per l’analisi primaria.

Su 106 partecipanti assegnati a caso tra il 2013 e il 2016, 54 hanno ricevuto Fingolimod ( 41 che avevano ricevuto immunoglobuline per via endovenosa e 13 che avevano ricevuto corticosteroidi ) e 52 hanno ricevuto placebo ( 41 che avevano ricevuto immunoglobuline e 11 che avevano ricevuto corticosteroidi ).

Lo studio si è concluso per futilità come raccomandato da un Comitato indipendente di monitoraggio dei dati dopo una analisi ad interim quando si erano verificati 44 eventi di peggioramento confermati.

Alla fine dello studio, la stima di sopravvivenza della percentuale di partecipanti liberi da un peggioramento confermato non era significativamente diversa tra il gruppo Fingolimod ( 42% ) e il gruppo placebo ( 43%; P=0.91 ).

Eventi avversi si sono verificati in 41 ( 76% ) partecipanti trattati con Fingolimod e in 44 ( 85% ) trattati con placebo; gravi eventi avversi si sono verificati in 9 ( 17% ) e 4 ( 8% ) pazienti, rispettivamente.
Gli eventi avversi più comuni con Fingolimod sono stati mal di testa ( 12 pazienti, 22% ), ipertensione ( 10, 19% ) e dolore alle estremità ( 7, 13% ).

Eventi avversi che hanno portato alla sospensione dello studio si sono verificati in 7 ( 13% ) partecipanti trattati con Fingolimod e nessuno nel gruppo placebo.

Fingolimod 0.5 mg una volta al giorno non è risultato migliore del placebo per il trattamento della poliradicoloneuropatia demielinizzante infiammatoria cronica.
Le future sperimentazioni dovrebbero tenere conto della possibilità che, se l'Immunoglobulina per via endovenosa viene interrotta bruscamente, alcuni pazienti potrebbero recidivare subito dopo, mentre altri potrebbero rimanere in remissione. ( Xagena2018 )

Hughes R et al, Lancet Neurol 2018; 17: 689-698

Neuro2018 Farma2018


Indietro