Neurobase.it
Tumori testa-collo
XagenaNewsletter
Xagena Mappa

FDA: Pramipexolo, un farmaco per il Parkinson, potrebbe essere associato a rischio di scompenso cardiaco


La Food and Drug Administration ( FDA ) ha informato gli operatori sanitari in merito a un possibile maggior rischio di scompenso cardiaco con l'uso di Pramipexolo, un farmaco impiegato per trattare i sintomi della malattia di Parkinson e la sindrome delle gambe senza riposo primaria.

Studi recenti hanno indicato un potenziale rischio di scompenso cardiaco con questo farmaco.

Tuttavia a causa delle limitazioni dello studio, l'Agenzia regolatoria statunitense non è in grado di determinare in questo momento se l'agonista della dopamina Pramipexolo ( Mirapex; in Italia: Mirapexin ) sia in grado di aumentare il rischio di scompenso cardiaco.

L'avviso di sicurezza è stato rilasciato dopo che un'analisi di dati aggregati, provenienti da studi clinici randomizzati, aveva mostrato una più alta incidenza di scompenso cardiaco con Pramipexolo rispetto a placebo, tuttavia, questi risultati non erano significativi.

Sono stati anche analizzati due studi epidemiologici che hanno indicato un aumento del rischio di scompenso cardiaco di nuova insorgenza con l'uso di Pramipexolo. Tuttavia, i limiti degli studi rendono difficile stabilire se l'eccesso di scompenso cardiaco sia correlato al farmaco o ad altri fattori.

In questo momento, la FDA non ha concluso che il Pramipexolo aumenti il rischio di scompenso cardiaco. ( Xagena2012 )

Fonte: FDA, 2012


Neuro2012 Cardio2012 Farma2012


Indietro