Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetto degli Acidi grassi Omega-3, Luteina / Zeaxantina, o di altra integrazione di nutrienti sulla funzione cognitiva


Dati osservazionali hanno suggerito che l'alta assunzione di grassi saturi e basso consumo di verdure possa essere associato a un aumentato rischio di malattia di Alzheimer.
Sono stati testati gli effetti dell’integrazione con nutrienti per via orale sulla funzione cognitiva.

In uno studio clinico randomizzato in doppio cieco ( Age-Related Eye Disease Study 2, AREDS2 ), specialisti della retina in 82 Centri medici accademici e comunitari degli Stati Uniti hanno osservato i partecipanti arruolati che erano a rischio per lo sviluppo di degenerazione maculare correlata all’età ( AMD ) nel periodo 2006-2012.
Oltre ai controlli annuali, sono stati somministrati alcuni test di funzionalità cognitiva convalidati al basale e ogni 2 anni durante lo studio di 5 anni.

Sono stati testati Acidi grassi polinsaturi a lunga catena ( LCPUFA ) 1 g e/o Luteina 10 mg / Zeaxantina 2 mg versus placebo in un disegno fattoriale.
Tutti i partecipanti hanno assunto anche varie combinazioni di Vitamina-C, Vitamina-E, Beta-carotene e Zinco.

L'esito principale era la variazione annua dei punteggi compositi in base a una serie di test sulla funzione cognitiva rispetto al basale.

Le analisi, aggiustate al basale per età, sesso, etnia, storia di ipertensione, istruzione, punteggio cognitivo e punteggio di depressione, hanno valutato le differenze nel punteggio composito tra i gruppi trattati rispetto ai gruppi non-trattati.
Il punteggio composito ha fornito un punteggio complessivo per la serie di test, da -22 a 17, con punteggi più elevati ad indicare una migliore funzionalità.

In totale l’89% dei partecipanti allo studio AREDS2 ( 3741/4203 ) ha acconsentito allo studio accessorio sulla funzione cognitiva e il 93.6% ( 3501/3741 ) è stato sottoposto ai test di funzionalità cognitiva.
L’età media dei partecipanti era di 72.7 anni e il 57.5% era rappresentato da donne.

Non ci sono state differenze statisticamente significative nel cambiamento dei punteggi per i partecipanti randomizzati a ricevere integratori contro quelli che non li hanno ricevuti.

La variazione annuale nel punteggio composito di funzione cognitiva è stata pari a -0.19 per i partecipanti randomizzati a ricevere LCPUFA versus -0.18 per quelli randomizzati a non ricevere LCPUFA ( differenza nel cambiamento annuale, -0.03, P=0.63 ).

Allo stesso modo, la variazione annuale nel punteggio composito di funzione cognitiva è stata pari a -0.18 per i partecipanti randomizzati a ricevere Luteina / Zeaxantina vs -0.19 per quelli randomizzati a non-ricevere Luteina / Zeaxantina ( differenza nel cambiamento annuale, 0.03, P=0.66 ).

Sono state condotte analisi anche per valutare le possibili interazioni tra Acidi grassi polinsaturi a lunga catena e Luteina / Zeaxantina e nessuna è stata ritenuta significativa.

In conclusione, tra le persone anziane con degenerazione maculare senile, la supplementazione orale con Acidi grassi polinsaturi a lunga catena o Luteina / Zeaxantina non ha avuto effetto statisticamente significativo sulla funzione cognitiva. ( Xagena2015 )

Chew EY et al, JAMA 2015; 314: 791-801

Neuro2015 Farma2015


Indietro