Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Effetti benefici di UDCA sulle cellule nervose coinvolte nella malattia di Parkinson in un modello animale genetico di malattia di Parkinson


Ricercatori presso l'Università di Sheffield, in collaborazione con i ricercatori dell'Università di York in Gran Bretagna, hanno scoperto che un farmaco già in uso da decenni per il trattamento delle malattie epatiche potrebbe rappresentare un trattamento efficace per rallentare la progressione della malattia di Parkinson.

I ricercatori hanno dimostrato gli effetti benefici di UDCA nel tessuto dei portatori di mutazioni in LRRK2 con malattia di Parkinson e nei portatori di mutazioni in LRRK2 attualmente asintomatici.
In entrambi i casi, UDCA ha migliorato la funzione mitocondriale, come dimostrato dall'aumento del consumo di ossigeno e dei livelli di energia cellulare.

La ricerca ha anche dimostrato per la prima volta gli effetti benefici di UDCA sui neuroni dopaminergici, le cellule nervose coinvolte nella malattia di Parkinson, in un modello animale ( Drosophila melanogaster, moscerino della frutta ) che presentava le stesse modificazioni genetiche di alcuni pazienti affetti da malattia di Parkinson.

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Neurology.

Una mutazione nel gene LRRK2 è la singola causa ereditaria più comune della malattia di Parkinson. Tuttavia, il meccanismo preciso che porta alla malattia di Parkinson non è ancora ben definito.

Difetti nei mitocondri, e di conseguenza ridotti livelli di energia, sono un fattore in un certo numero di malattie che colpiscono il sistema nervoso compresa la malattia di Parkinson e la malattia dei motoneuroni.
In modo particolare le cellule nervose hanno necessità di elevate richieste di energia, quindi i difetti a carico dei generatori cellulari di energia possono incidere sulla sopravvivenza della cellula.

I ricercatori hanno dimostrato gli effetti benefici di UDCA in vivo compiendo esperimenti con il moscerino della frutta. Nel moscerino della frutta, i difetti mitocondriali causati dalla mutazione in LRRK2 a livello dei neuroni dopaminergici possono essere monitorati attraverso la progressiva perdita della funzione visiva.
I moscerini portatori della mutazione hanno mantenuto la risposta visiva quando venivano alimentati con UDCA.

Il trattamento dei moscerini della frutta portatori del gene LRRK2 difettoso con UDCA ha mostrato salvataggio della via di segnalazione dopaminergica.
Nutrire i moscerini con UDCA parzialmente nel corso della propria vita rallenta la velocità con cui il cervello del moscerino va incontro a degenerazione.
Pertanto, gli agenti di salvataggio mitocondriale possono rappresentare una nuova strategia promettente per la terapia modificante la malattia nel Parkinson correlato a mutazioni in LRRK2.

È particolarmente incoraggiante in questo studio il fatto che, anche a concentrazioni relativamente basse, UDCA abbia ancora esercitato un effetto sulle cellule di Parkinson coltivate in laboratorio. ( Xagena2015 )

Fonte: University of Sheffield, 2015

Neuro2015 Farma2015


Indietro