Vertigini
Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Donanemab rallenta il declino clinico nella malattia di Alzheimer


I risultati dello studio di fase 2 TRAILBLAZER-ALZ hanno mostrato che Donanemab, un anticorpo sperimentale che ha come bersaglio una forma modificata di beta-amiloide chiamata N3pG, ha mostrato un significativo rallentamento del declino in una misura composita di attività cognitiva e di funzione quotidiana nei pazienti con malattia di Alzheimer sintomatica in fase precoce rispetto al placebo.

Donanemab ha raggiunto l'endpoint primario di variazione dal basale a 76 settimane alla scala iADRS ( Integrated Alzheimer's Disease Rating Scale ), rallentando il declino del 32% ( valore statisticamente significativo ), rispetto al placebo.
L'iADRS è uno strumento clinico composito che combina la misura cognitiva ADAS-Cog13 e la misura funzionale ADCS-iADL.
Donanemab ha anche mostrato miglioramenti coerenti in tutti gli endpoint secondari prespecificati che misurano l'attività cognitiva e la funzione rispetto al placebo, ma non ha raggiunto la significatività statistica nominale su ogni endpoint secondario.

Il trattamento con Donanemab, con azione diretta contro il beta-amiloide N3pG, determina, in modo rapido, elevati livelli di clearance della placca amiloide, misurati mediante imaging dell'amiloide.

Nello studio TRAILBLAZER-ALZ, i pazienti trattati con Donanemab, in media, hanno mostrato una riduzione della placca amiloide di 84 centiloidi a 76 settimane rispetto a un basale di 108 centiloidi.
I pazienti hanno interrotto il trattamento con Donanemab e sono passati al placebo una volta che il loro livello di placca era inferiore a 25 centiloidi per due misurazioni consecutive o inferiore a 11 centiloidi per ciascuna misurazione.

Il profilo di sicurezza di Donanemab era coerente con le osservazioni dei dati di fase 1.
Sono state osservate anomalie di imaging correlate all'amiloide ( ARIA ), che sono coerenti con gli anticorpi che eliminano la placca amiloide.
Nel gruppo di trattamento con Donanemab, anomalie di imaging correlate all'amiloide - edema ( ARIA-E ) si sono verificate nel 27% dei partecipanti trattati, con un'incidenza complessiva di chi ha manifestato ARIA-E sintomatica del 6%.

TRAILBLAZER-ALZ è uno studio di fase 2 multicentrico, randomizzato e controllato con placebo, in doppio cieco, che ha come obiettivo quello di valutare la sicurezza, la tollerabilità e l'efficacia di Donanemab nei pazienti con malattia di Alzheimer sintomatica in fase precoce.
Lo studio ha arruolato 272 pazienti che sono stati selezionati sulla base di valutazioni cognitive in combinazione con l'imaging della placca amiloide e l'imaging tau.
L'endpoint primario è rappresentato dal cambiamento dal basale fino a 76 settimane alla scala iADRS. Gli endpoint secondari chiave includono le variazioni tra il basale e le 76 settimane nei punteggi ADAS-Cog13, ADCS-iADL, MMSE e CDR-SB. Altri endpoint secondari includono cambiamenti dal basale alla settimana 76 nella deposizione di amiloide e nella deposizione di tau, a livello cerebrale.

La malattia di Alzheimer è una malattia ad esito fatale che causa un progressivo declino della memoria e altri aspetti della attività cognitiva.
La demenza dovuta all'Alzheimer è la forma più comune di demenza, rappresentando dal 60 all'80% di tutti i casi.
Ci sono attualmente oltre 50 milioni di persone che convivono con la demenza in tutto il mondo, con un numero che dovrebbe aumentare a quasi 152 milioni entro il 2050.
Ogni anno nel mondo vengono diagnosticati quasi 10 milioni di nuovi casi di demenza. ( Xagena2021 )

Fonte: Lilly, 2021

Neuro2021 Farma2021


Indietro