Neurobase.it
XagenaNewsletter
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

Discinesia tardiva: benefici con la Deutetrabenazina indipendentemente dall'età


I risultati di una analisi post hoc ha dimostrato che il trattamento con Deutetrabenazina ( Austedo ) è risultato utile sia per i pazienti più giovani ( età inferiore a 55 anni ) che per quelli più anziani ( età uguale o superiore a 55 anni ) con discinesia tardiva.

La Deutetrabenazina, un inibitore del trasportatore vescicolare delle monoamine di tipo 2 ( VMAT2 ), è stata approvata per il trattamento della discinesia tardiva negli adulti.
Poiché l'incidenza della discinesia tardiva sembra aumentare con l'età, i ricercatori hanno esaminato i dati di uno studio di estensione in aperto sulla Deutetrabenazina per valutare la sicurezza e l'efficacia a lungo termine del trattamento nei pazienti giovani e anziani con discinesia tardiva.

In particolare, l'obiettivo era quello di valutare la variazione rispetto al basale del punteggio AIMS ( Abnormal Involuntary Movement Scale ), i tassi di risposta per un miglioramento AIMS maggiore o uguale al 50% e i tassi di trattamento di successo alle scale PGIC ( Patient Global Impression of Change ) e CGIC ( Clinical Global Impression of Change ) tra i pazienti più giovani ( età inferiore a 55 anni ) e più anziani ( 55 anni o età superiore ).

Lo studio ha incluso 124 pazienti più giovani e 219 pazienti più anziani; la durata media del trattamento ( rispettivamente 740.4 giorni versus 790.1 giorni ) e la dose totale media di Deutetrabenazina alla settimana 145 ( rispettivamente 39.3 mg/die contro 39.3 mg/die ) erano comparabili tra i gruppi.

Alla settimana 145, le variazioni medie rispetto al basale nel punteggio AIMS erano rispettivamente di -6.7 e -6.4 nei pazienti più giovani e più anziani ( variazioni percentuali di −60.9% e −53.8%, rispettivamente ); la maggior parte dei pazienti più giovani e più anziani ha raggiunto il successo del trattamento alla scala CGIC ( 66% e 76% ) e alla scala PGIC ( entrambi il 63% ), e il 75% dei pazienti più giovani e il 61% dei pazienti più anziani ha raggiunto una risposta AIMS maggiore o uguale al 50%.

Per quanto riguarda la sicurezza, il trattamento è risultato ben tollerato in entrambi i gruppi.
Nei pazienti più giovani, i tassi di incidenza aggiustati per l'esposizione per specifici eventi avversi erano inferiore a 0.01 per acatisia, 0.07 per sonnolenza e sedazione, 0.04 per eventi simil-parkinson e 0.06 per depressione.
Nei pazienti più anziani, i tassi di incidenza aggiustati per l'esposizione per questi eventi avversi erano rispettivamente 0.02, 0.06, 0.11 e 0.09.

Dallo studio è emerso che il trattamento con Deutetrabenazina era associato a miglioramenti sostenuti nel punteggio AIMS ed era ben tollerato nella discinesia tardiva sia nei giovani che negli anziani. ( Xagena2020 )

Fonte: Neurology, 2020

Neuro2020 Farma2020


Indietro