Vertigini
Neurobase.it
Xagena Mappa
Tumori testa-collo

Deambulazione nei pazienti con sclerosi multipla: la Dalfampridina ER alla dose di 5 mg non è efficace


Acorda Therapeutics ha comunicato i risultati di uno studio post-marketing che ha valutato una dose di 5 mg di Dalfampridina-ER ( Dalfampridina a rilascio ritardato; Ampyra ) nel miglioramento della deambulazione nei pazienti con sclerosi multipla.
Lo studio non ha confermato l'efficacia della dose da 5 mg.

Allo studio randomizzato hanno preso parte 430 pazienti, divisi in tre bracci di trattamento: placebo, Dalfampridina-ER 5 mg o la dose attualmente in commercio di 10 mg, due volte al giorno.

Le caratteristiche basali sono state misurate durante una singola visita dopo la randomizzazione.
La Dalfampridina è stata poi somministrata per 4 settimane.
I partecipanti sono tornati dopo 2 settimane di trattamento per le valutazioni intermedie ( visita 2 ), e di nuovo a 4 settimane ( visita 3 ).

L'endpoint primario era la variazione della velocità di cammino ( piedi/secondo ), misurata mediante T25FW ( Timed 25-Foot Walk ) alla visita 3, con misurazione, versus basale, al momento del picco di concentrazione plasmatica del farmaco.

Miglioramenti nell’endpoint primario per la dose da 5 mg ( 0.423 piedi/sec; p=0.457 ) e per la dose da 10 mg ( 0.478 piedi/sec; p = 0,107 ) alla visita 3 non sono risultate statisticamente significative rispetto al placebo ( 0.363 piedi/sec ).

Il disegno dello studio post-marketing ha richiesto un’analisi a singolo endpoint che non era stata in precedenza utilizzata nel programma di sviluppo clinico di Ampyra.
In una analisi post-hoc, dati di T25FW sono stati analizzati con metodi simili a quelli usati negli studi pilota.
La variazione media dal basale nella velocità di cammino è stata significativamente maggiore per il gruppo 10 mg rispetto al placebo ( 0.443 vs 0.303 piedi/sec, p=0.014 ), ma non per il gruppo 5 mg ( 0.366 vs 0.303 piedi/sec, p=0.292 ).

Inoltre, utilizzando la definizione di responder come miglioramento medio della velocità di cammino di almeno il 20% rispetto al basale, il gruppo 10 mg ha mostrato una più alta, significativa, incidenza di responder rispetto al gruppo placebo ( 44% contro 27%, p=0.004 ).
Il gruppo 5 mg non ha mostrato un aumento significativo della risposta rispetto al placebo ( 32% vs 27%, p=0.366 ).

Un endpoint secondario pianificato di miglioramento nel cammino, il 6-Minute Walk Test, è stato applicato alla visita 2 in un sottogruppo di partecipanti.
La dose da 10 mg, ma non la dose da 5 mg, ha mostrato un miglioramento significativo rispetto al placebo ( 10 mg: +129 piedi versus placebo: +42 piedi, p=0.014; 5 mg vs placebo, 77 vs 42 piedi, p=0.308 ).

Le variazioni nell’effetto percepito sulle attività connesse al cammino, misurate mediante la scala MSWS-12 ( 12-Item MS Walking Scale ) ed auto-riferite, hanno mostrato miglioramenti per il dosaggio da 10 mg e da 5 mg; valori non-significativi rispetto al placebo ( 10 mg: -11.1, p=0.286; 5 mg: -9.7, p=0.866; placebo: -8,4 ).
Una variazione negativa rappresentava una ridotta disabilità percepita.

Nessun segnale di sicurezza è stato osservato in questo studio. Non sono state segnalate crisi convulsive.
Due partecipanti hanno sperimentato gravi eventi avversi ( uno nel gruppo 5 mg e uno nel gruppo 10 mg ), tra cui la perdita di coscienza in un paziente nel gruppo 10 mg che aveva interrotto l’assunzione della Dalfampridina ER quattro giorni prima dell’evento.
Gli eventi avversi, che si sono verificati nel gruppo combinato della Dalfampridina ER a un tasso maggiore di almeno il 2% rispetto al gruppo placebo. sono stati: infezioni delle vie urinarie ( 8.0% vs 5.6% con placebo ), nausea ( 7.7% vs 3.5% ), vertigini ( 7.7% vs 2.1% ), insonnia ( 6.3% vs 4.2% ) e infezioni delle vie respiratorie ( 2.8% vs 0.7% ).

La Dalfampridina è un bloccante dei canali del potassio approvato come trattamento per migliorare la deambulazione ( aumento della velocità di cammino ) nei pazienti affetti da sclerosi multipla.
Ampyra è una formulazione in compresse a rilascio prolungato di Dalfampridina ( 4-Aminopiridina, 4-AP ) al dosaggio di 10 mg da somministrare due volte al giorno.
In Europa il farmaco è venduto con il nome commerciale di Fampyra.

Importanti informazioni sulla sicurezza della Dalfampridina

La Dalfampridina può causare convulsioni, il rischio di convulsioni aumenta con il crescere del dosaggio.
Ampyra è controindicata nei pazienti con una precedente storia di convulsioni.
La maggior parte delle crisi convulsive si è verificata alla dose consigliata e nei pazienti senza una storia di convulsioni, e, in genere, pochi giorni o settimane dall'inizio della terapia.

Ampyra è controindicato nei pazienti con moderata o grave insufficienza renale ( clearance della creatinina minore o uguale a 50 ml/min ); il rischio di convulsioni in pazienti con lieve insufficienza renale ( clearance della creatinina di 51-80 ml/min ) non è noto, ma i livelli plasmatici di Dalfampridina in questi pazienti possono avvicinarsi a quelli osservati alla dose di 15 mg due volte al giorno, una dose che può essere associata a un aumentato rischio di convulsioni; la clearance della creatinina stimata dovrebbe essere nota prima di iniziare il trattamento con Dalfampridina e controllata almeno una volta all'anno durante il trattamento con Ampyra.

La Dalfampridina non deve essere assunta con altre forme di 4-Aminopiridina ( 4-AP, Fampridina ), in quanto il principio attivo è lo stesso.

Le infezioni del tratto urinario sono state riportate più frequentemente come eventi avversi nei pazienti trattati con 10 mg di Dalfampridina due volte al giorno rispetto al placebo. ( Xagena2012 )

Fonte: Acorda Therapeutics, 2012


Neuro2012 Farma2012


Indietro