Neurobase.it
XagenaNewsletter
Tumori testa-collo
Xagena Mappa

COVID-19: l'infezione da SARS-CoV-2 e complicanze neurologiche


Nuove ricerche hanno mostrato che COVID-19 è fortemente associato a manifestazioni neurologiche, tra cui malattie cerebrovascolari acute, compromissione dell'attività conoscitiva e lesioni del muscolo scheletrico.

I ricercatori cinesi ( Wuhan, Cina ) hanno analizzato i dati di oltre 200 pazienti adulti affetti da COVID-19 e hanno scoperto che il 36.4% aveva manifestazioni neurologiche.
Inoltre, quasi la metà di quelli con patologie gravi presentava sintomi neurologici, rispetto a circa un terzo di quelli con patologie meno gravi.

Le manifestazioni cliniche accertate di COVID-19 comprendono febbre, tosse, diarrea e affaticamento, ma non era stato ancora riportato che i pazienti con COVID-19 presentassero manifestazioni neurologiche.

Per esaminare se il virus può causare manifestazioni neurologiche, sono state prese in esame le cartelle cliniche elettroniche di 214 pazienti ospedalizzati consecutivi ( età media, 52.7 anni, 40.7% maschi ), che hanno frequentato uno dei tre Centri specializzati di cura COVID-19 a Wuhan tra il 16 gennaio e il 19 febbraio 2020.

Utilizzando le linee guida dell'American Thoracic Society per la polmonite acquisita in comunità, i pazienti sono stati classificati come affetti da malattia grave o non-grave.
Sulla base di questa categorizzazione, il 41.1% dei pazienti aveva una infezione grave e il 58.9% aveva una infezione non-grave.

Quelli con infezione grave avevano maggiori probabilità di essere più anziani ( età media, 58.2 vs 48.9 anni; P inferiore a 0.001 ) e di avere altri disturbi di base come l'ipertensione e un minor numero di sintomi tipici di COVID-19 come febbre e tosse secca.

I ricercatori hanno suddiviso le manifestazioni neurologiche in diverse categorie, tra cui: sintomi del sistema nervoso centrale ( SNC ) come vertigini, mal di testa e coscienza alterata; malattia cerebrovascolare acuta, come atassia e convulsioni; sintomi del sistema nervoso periferico ( PNS ) tra cui alterazione del gusto, dell'olfatto o della vista e dolore neuropatico; sintomi di lesioni dei muscoli scheletrici.

Le manifestazioni del sistema nervoso di COVID-19 erano significativamente più comuni nell'infezione grave rispetto a quella non-grave ( 45.5% versus 30.2%; P = 0.02 ).
L'incidenza delle manifestazioni CNS di COVID-19 sono state: malattia cerebrovascolare acuta ( ictus ischemico, emorragia cerebrale ), 5.7% [ infezione grave ] 0.8 [ infezione non-grave ] ( P=0.03 ); alterazione dell'attività cognitiva, 14.8% vs 2.4% ( p minore di 0.001 ); lesione del muscolo scheletrico, 19.3% vs 4.8% ( p inferiore a 0.001 ).

Rispetto ai pazienti con infezione non-grave, quelli con infezione grave presentavano una maggiore infiammazione, come indicato da una maggiore conta dei globuli bianchi e dei neutrofili, una minore conta di linfociti e un aumento dei livelli di proteina C-reattiva ( CRP ) e D-dimero. Avevano anche maggiore probabilità di avere più dati di laboratorio indicanti gravi danni al fegato, ai reni e ai muscoli scheletrici.

Inoltre, i pazienti COVID-19 con sintomi del sistema nervoso centrale avevano livelli più bassi di linfociti e conta piastrinica e livelli più alti di azoto ureico nel sangue rispetto ai loro omologhi senza sintomi del SNC.

In particolare ai pazienti con forma grave di malattia, anche i pazienti con sintomi del SNC hanno mostrato maggiore stato infiammatorio, inclusi livelli più bassi di linfociti e conta piastrinica e livelli più alti di azotemia rispetto a quelli senza sintomi del SNC.

La bassa conta dei linfociti nei pazienti con sintomi del SNC può essere indicativa di immunosoppressione nei pazienti con sintomi COVID-19, in particolar modo nel sottogruppo malattia grave. ( Xagena2020 )

Fonte: JAMA Neurology, 2020

Inf2020 Neuro2020



Indietro