Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Cannabidiolo nei pazienti con crisi convulsive associate alla sindrome di Lennox-Gastaut: studio GWPCARE4


I pazienti con la sindrome di Lennox-Gastaut, una forma rara e grave di encefalopatia epilettica, sono spesso resistenti al trattamento con i farmaci disponibili.
Nessuno studio controllato aveva preso in esame l'uso di Cannabidiolo nei pazienti con crisi associate alla sindrome di Lennox-Gastaut.

Sono state valutate l'efficacia e la sicurezza del Cannabidiolo come terapia anticonvulsiva aggiuntiva in questa popolazione di pazienti.

Nello studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo GWPCARE4, effettuato in 24 Centri clinici negli Stati Uniti, nei Paesi Bassi e in Polonia, è stata esaminata l'efficacia del Cannabidiolo come terapia aggiuntiva per le crisi convulsive in pazienti con sindrome di Lennox-Gastaut resistente al trattamento.

I pazienti eleggibili di età tra 2 e 55 anni presentavano la sindrome di Lennox-Gastaut, inclusa una storia di pattern spike-and-wave( inferiore a 3 Hz ) sull'elettroencefalogramma ( EEG ), evidenza di più di un tipo di crisi convulsiva generalizzata per almeno 6 mesi, almeno 2 crisi a settimana durante il periodo di riferimento di 4 settimane e assenza di risposta al trattamento con almeno due farmaci antiepilettici.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale, stratificando per fascia di età, a ricevere 20 mg/kg di Cannabidiolo per via orale al giorno oppure placebo per 14 settimane.

L'endpoint primario era la variazione percentuale rispetto al basale della frequenza mensile di crisi convulsive durante il periodo di trattamento, analizzata in tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno una dose di farmaco in studio e che avevano dati di efficacia post-basale.
Tutti i pazienti assegnati in modo casuale sono stati inclusi nelle analisi di sicurezza.

Tra aprile e ottobre 2015 sono stati assegnati a caso 171 pazienti a ricevere Cannabidiolo ( n=86 ) o placebo ( n=85 ).
14 pazienti nel gruppo trattato con Cannabidiolo e uno nel gruppo placebo hanno interrotto il trattamento di studio; tutti i pazienti assegnati in modo casuale hanno ricevuto almeno una dose di trattamento in studio e avevano dati di efficacia post-basale.

La percentuale media di riduzione della frequenza delle crisi mensili rispetto al basale è stata del 43.9% nel gruppo Cannibidiolo e del 21.8% nel gruppo placebo.
La differenza media stimata tra i gruppi di trattamento è stata di -17.21 ( P=0.0135 ) durante il periodo di trattamento di 14 settimane.

Gli eventi avversi si sono verificati in 74 pazienti su 86 ( 86% ) nel gruppo trattato con Cannabidiolo e in 59 pazienti su 85 ( 69% ) nel gruppo placebo; la maggior parte erano lievi o moderati.
Gli eventi avversi più comuni sono stati diarrea, sonnolenza, piressia, diminuzione dell'appetito e vomito.

12 pazienti ( 14% ) nel gruppo Cannabidiolo e un paziente ( 1% ) nel gruppo placebo si sono ritirati dallo studio a causa di eventi avversi.

Un paziente ( 1% ) è morto nel gruppo Cannabidiolo, ma il decesso non è stato considerato correlato al trattamento.

Il Cannabidiolo aggiuntivo è efficace per il trattamento dei pazienti con crisi convulsive associate alla sindrome di Lennox-Gastaut ed è generalmente ben tollerato.
L'efficacia a lungo termine e la sicurezza del Cannabidiolo sono attualmente in fase di valutazione nell'estensione in aperto di questo studio. ( Xagena2018 )

Thiele EA et al, Lancet 2018; 391: 1085-1096

Neuro2018 Farma2018


Indietro