Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Associazioni di sindromi demielinizzanti ed encefalitiche pediatriche con anticorpi diretti contro la glicoproteina oligodendrocitaria mielinica


Le indagini sugli anticorpi diretti contro la glicoproteina oligodendrocitaria associata alla mielina ( MOG ) si concentrano solitamente sulle sindromi demielinizzanti, ma non è noto l'intero spettro delle sindromi associate agli anticorpi MOG nei bambini.
Sono state determinate la frequenza e la distribuzione delle sindromi demielinizzanti ed encefalitiche pediatriche con anticorpi MOG, la loro risposta al trattamento e i fenotipi associati a prognosi sfavorevole.

In uno studio osservazionale prospettico, i bambini con sindromi demielinizzanti e con encefalite diversa dall'encefalomielite acuta disseminata ( ADEM ) reclutati da 40 Centri in Spagna sono stati studiati per gli anticorpi MOG.
Tutti i casi positivi agli anticorpi MOG sono stati inclusi nello studio, che ha valutato sindromi, trattamento e risposta al trattamento ( cioè numero di recidive ), esiti ( misurati con la scala di Rankin modificata [ mRS ] ) e fenotipi associati a prognosi sfavorevole.

Tra il 2013 e il 2018, sono stati reclutati 239 bambini con sindromi demielinizzanti ( coorte A ) e 296 con encefalite diversa dall'ADEM ( coorte B ).

116 pazienti avevano anticorpi MOG, inclusi 94 ( 39% ) dalla coorte A e 22 ( 7% ) dalla coorte B; 57 ( 49% ) erano donne, con un'età media di 6.2 anni.

Le sindromi presenti in questi 116 pazienti includevano ADEM ( 46, 68% ), encefalite diversa da ADEM ( 22, 19% ), neurite ottica ( 20, 17% ), mielite ( 13, 11% ), disturbi dello spettro della neuromielite ottica ( 6, 5% ) e altri disturbi ( 9, 8% ).

Tra i pazienti con encefalite autoimmune nella coorte B ( n=64 ), gli anticorpi MOG erano più comuni di tutti gli anticorpi neuronali combinati ( 22, 34%, vs 21, 33% ).

Dopo un follow-up mediano di 42 mesi, 33 ( 28% ) dei 116 pazienti hanno avuto recidive, tra cui 17 ( 17% ) su 100 diagnosticati al primo episodio.

Steroidi, immunoglobulina endovenosa o scambio plasmatico sono stati utilizzati in 100 ( 86% ) pazienti alla diagnosi e 32 ( 97% ) su 33 in caso di recidiva.

Il Rituximab ( MabThera ) è stato utilizzato principalmente nelle recidive ( 11, 33% ). 99 ( 85% ) su 116 pazienti hanno avuto un recupero sostanziale ( mRS minore di 2 ) e 17 ( 15% ) deficit da moderati a gravi ( mRS maggiore di 2; 1 è deceduto ).

I fenotipi di prognosi sfavorevole includevano recidive simili all'encefalomielite acuta disseminata che progredivano verso caratteristiche simili alla leucodistrofia e un'ampia encefalite corticale che si evolveva in atrofia.

Il tempo alla negatività degli anticorpi è stato più lungo nei pazienti con recidive ( hazard ratio, HR=0.18 ).

Lo spettro delle sindromi associate all'anticorpo MOG pediatrico è più ampio di quanto precedentemente riportato e comprende sindromi demielinizzanti ed encefalite.
Il riconoscimento di questi disturbi ha importanti implicazioni cliniche e prognostiche. ( Xagena2020 )

Armangue T et al, Lancet Neurology 2020; 19: 234-246

Neuro2020 Pedia2020



Indietro