Neurobase.it
Tumori testa-collo
Xagena Mappa
Medical Meeting

Alteplase somministrato dopo l’ictus riduce la disabilità nel lungo periodo


La somministrazione precoce dopo ictus del farmaco trombolitico Alteplase ( Activase [ US ], Actilyse [ EU ] ) aumenta in modo significativo la probabilità di esito positivo.
Sebbene il trattamento con Alteplase sia associato a un aumentato rischio di emorragia intracranica ad esito fatale entro i primi giorni dopo l'ictus, il rischio risulta attenuato nell’arco di pochi mesi.

I risultati dello studio hanno dimostrato che il trattamento con Alteplase è molto efficace nel limitare il grado di disabilità nei pazienti con ictus.

In una meta-analisi, i ricercatori hanno raccolto dati su 6756 pazienti da 9 studi clinici randomizzati, di fase 3, riguardanti Alteplase, somministrato per via endovenosa, per il trattamento dell'ictus ischemico acuto.
Negli studi clinici, i pazienti erano stati assegnati in modo casuale a ricevere Alteplase ( n=3.391 ) o un farmaco di controllo ( n= 3.365 ).

La misura primaria di efficacia era la percentuale di partecipanti con esito positivo per l’ictus, definito come un punteggio alla scala di Rankin modificata di 0 o 1 a 3-6 mesi.
Gli esiti secondari includevano emorragia intracranica ad esito fatale entro 7 giorni, emorragia intracranica sintomatica e mortalità a 90 giorni.

Un esito positivo per l’ictus è stato riportato nel 31% di tutti i pazienti a 3-6 mesi. La probabilità di un esito positivo è aumentata in modo significativo con l'uso di Alteplase.

Un risultato positivo è stato ottenuto nel 32.9% dei pazienti trattati con Alteplase entro 3 ore, rispetto al 23.1% dei pazienti trattati con il farmaco di controllo ( odds ratio, OR = 1.75 ).

Tra i pazienti con un ritardo di trattamento di più di 3 ore e fino a 4.5 ore, un risultato positivo è stato riportato nel 35.3% dei pazienti trattati con Alteplase contro il 30.1% di quelli trattati con un farmaco di controllo ( OR = 1.26 ).

Tra i pazienti il cui trattamento è stato ritardato per più di 4.5 ore, un risultato positivo è stato riportato nel 32.6% dei pazienti trattati con Alteplase rispetto al 30.6% dei pazienti trattati con il farmaco di controllo ( OR = 1.15 ).

I benefici del trattamento erano indipendenti dall'età ( P = 0.53 ) o dalla gravità dell’ictus ( P = 0.06 ).

La probabilità di emorragia intracranica sintomatica è risultata significativamente aumentata tra i pazienti trattati con Alteplase ( emorragia parenchimale di tipo 2 entro 7 giorni: 6.8% vs 1.3%; OR = 5.55; emorragia parenchimale di tipo 2 entro 36 ore: 3.7% vs 0.6%; OR = 6.67 ).

L’emorragia intracranica ad esito fatale entro 7 giorni è risultata più comune tra coloro che hanno ricevuto Alteplase ( 2.7% vs 0.4%; OR = 7.14 ).
L'aumento relativo della emorragia intracranica ad esito fatale non era influenzata dal ritardo nel trattamento, da età o da gravità dell'ictus. Tuttavia, l'uso di Alteplase è risultato associato a un maggior eccesso assoluto di rischio tra i pazienti con ictus grave.

Il trattamento con Alteplase non ha avuto impatto significativo sulla mortalità per altre cause. I tassi di mortalità complessiva a 90 giorni erano simili tra i gruppi di trattamento: 17.9% tra i pazienti trattati con Alteplase rispetto al 16.5% tra i pazienti che hanno ricevuto il farmaco di controllo ( HR = 1.11 ).

Secondo i ricercatori, anche se Alteplase ha aumentato il rischio di mortalità per emorragia intracranica di circa il 2% entro i primi giorni dopo l'ictus, i sopravvissuti trattati con Alteplase hanno presentato una probabilità inferiore di andare incontro a disabilità, rispetto a quelli che non avevano ricevuto questo trattamento.
Alteplase ha aumentato la percentuale dei pazienti che hanno evitato la disabilità: di circa il 10% per coloro che erano stati trattati entro 3 ore e del 5% per quelli trattati tra 3 e 4.5 ore. ( Xagena2014 )

Fonte: The Lancet, 2014

Neuro2014 Farma2014


Indietro