Amsterdam congress
Tumori testa-collo
XXIII World Congress of Neurology
XVII Congresso Nazionale SIRN

Terapia con Propranololo per discinesia tardiva


È stata esaminata la tollerabilità e l'efficacia del Propranololo ( Inderal ) nel trattamento della discinesia tardiva.
La discinesia tardiva è un disturbo del movimento invalidante, spesso irreversibile, che deriva dalla terapia cronica con farmaci bloccanti il recettore della dopamina.
Non ci sono trattamenti attualmente approvati per questo disturbo.
Il Propranololo, un bloccante beta-adrenergico, è ritenuto in grado di alleviare la discinesia tardiva.

È stata effettuata una ricerca retrospettiva nel database della clinica Emory per i disturbi dei movimenti nei pazienti con discinesia tardiva trattati con Propranololo.

Tutti i pazienti identificati con almeno una valutazione di follow-up sono stati valutati per la risposta.
Sono stati presi in esame 47 pazienti, di età media 63 anni.
I neurolettici sono stati sospesi in tutti i pazienti e la durata della discinesia tardiva al momento in cui è stato avviato il Propranololo era di 17 mesi.

La gravità media della discinesia tardiva, basata su una scala da 0 a 3 ( 0=nessuna, 1=lieve, 2=moderata, 3=grave ) era 2.2.

La risposta media, basata su una scala da 0 a 3 ( 0=nessuna risposta, 1=risposta lieve, 2=risposta moderata, 3= risposta completa o quasi completa ) è stata 1.4.

Il Propranololo ha prodotto un miglioramento nel 64% e nel 77% di coloro che hanno avuto una risposta moderata o completa o quasi completa.

La dose giornaliera media è stata di 69 mg e la durata della terapia di 14 mesi.

Tre pazienti hanno interrotto il Propranololo a causa di effetti collaterali: ipotensione ( n=2 ), incubi ( n=1 ).

La gravità della discinesia tardiva e la durata della terapia con Propranololo sono state associate con la risposta.

In conclusione, il Propranololo a basse dosi sembra essere ben tollerato ed efficace nel trattamento della discinesia tardiva.
È necessario uno studio prospettico randomizzato. ( Xagena2016 )

Hatcher-Martin JM et al, Parkinsonism Relat Disord 2016; 32: 124-126

Neuro2016 Farma2016


Indietro