Amsterdam congress
XXIII World Congress of Neurology
Tumori testa-collo

Sicurezza ed efficacia di Pitolisant sulla cataplessia nei pazienti con narcolessia


I neuroni istaminergici sono fondamentali per mantenere la veglia, ma il loro ruolo nella cataplessia è sconosciuto.
Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di Pitolisant, un agonista inverso del recettore H3 dell’istamina, per il trattamento della cataplessia nei pazienti con narcolessia.

Per questo studio randomizzato, in doppio cieco e controllato con placebo sono stati reclutati pazienti con narcolessia da 16 Centri del sonno in 9 Paesi ( Bulgaria, Repubblica Ceca, Ungheria, Macedonia, Polonia, Russia, Serbia, Turchia e Ucraina ).

I pazienti erano ammissibili se avevano almeno 18 anni, avevano avuto diagnosi di narcolessia con cataplessia secondo la seconda versione dei criteri ICSD ( International Classification of Sleep Disorders ), avevano almeno 3 episodi di cataplessia alla settimana e avevano una sonnolenza diurna eccessiva ( definita come punteggio ESS [ Epworth Sleepiness Scale ] uguale o superiore a 12 ).

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere una volta al giorno Pitolisant oppure placebo.
Il trattamento è durato 7 settimane: 3 settimane di dosaggio flessibile deciso dai medici in base all'efficacia e alla tolleranza ( 5 mg, 10 mg o 20 mg di Pitolisant orale ), seguiti da 4 settimane di dosaggio stabile ( 5 mg, 10 mg, 20 mg, o 40 mg ).

L'endpoint primario era la variazione del numero medio di attacchi di cataplessia alla settimana registrati nei diari del paziente ( tasso di cataplessia settimanale WCR ) tra le 2 settimane di dosaggio basale e le 4 settimane di stabilità del periodo di dosaggio.

Lo studio è stato effettuato tra il 2013 e il 2015. Sono stati sottoposti a screening 117 pazienti, 106 dei quali sono stati assegnati in modo random ( 54 a Pitolisant e 52 a placebo ) e, dopo un abbandono, 54 pazienti del gruppo Pitolisant e 51 del gruppo placebo sono stati inclusi nell'analisi intention-to-treat.

WCR durante il periodo di dosaggio stabile rispetto al basale è diminuito del 75% ( WCR finale=2.27; WCR basale= 9.15; WCR finale/basale=0.25 ) nei pazienti che avevano ricevuto Pitolisant e del 38% ( WCR finale=50, WCR basale= 7.31; WCR finale/basale=0.62 ) nei pazienti che avevano ricevuto placebo ( rate ratio, RR=0.512; P minore di 0.0001 ).

Gli eventi avversi correlati al trattamento sono stati significativamente più frequenti nel gruppo Pitolisant rispetto al gruppo placebo ( 15 su 54, 28%, vs 6 su 51, 12%; P=0.048 ).
Non ci sono stati eventi avversi gravi, ma si è verificato un caso di nausea grave nel gruppo Pitolisant.
Gli eventi avversi più frequenti nel gruppo Pitolisant ( mal di testa, irritabilità, ansia e nausea ) sono stati lievi o moderati, ad eccezione del caso di nausea grave.
Non è stata rilevata nessuna sindrome di astinenza col ritiro del trattamento dopo il trattamento con Pitolisant; è stato rilevato un caso nel gruppo placebo.

Pitolisant è risultato ben tollerato ed efficace nel ridurre la cataplessia. Se confermato in studi a lungo termine, Pitolisant potrebbe costituire una terapia di prima linea per la cataplessia nei pazienti con narcolessia, per i quali attualmente esistono poche opzioni terapeutiche. ( Xagena2017 )

Szakacs Z et al, Lancet Neurology 2017; 16: 200-207

Neuro2017 Farma2017


Indietro