Amsterdam congress
XXIII World Congress of Neurology
XVII Congresso Nazionale SIRN
Tumori testa-collo

Sicurezza e efficacia di Ozanezumab nei pazienti con sclerosi laterale amiotrofica


Si ritiene che l'inibitore della crescita dei neuriti A ( Nogo-A ) abbia un ruolo nella fisiopatologia della sclerosi laterale amiotrofica ( ALS ).
Un anticorpo monoclonale contro Nogo-A ha mostrato un effetto positivo nel modello di topo SOD1 G93A della sclerosi laterale amiotrofica, e una forma umanizzata di questo anticorpo ( Ozanezumab ) è stata ben tollerata in uno studio nelle persone.
Pertanto, sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di Ozanezumab nei pazienti con sclerosi laterale amiotrofica.

Uno studio randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo, di fase 2, è stato effettuato in 34 Centri in 11 Paesi.
I pazienti di età compresa tra 18 e 80 anni con diagnosi di sclerosi laterale amiotrofica familiare o sporadica sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Ozanezumab ( 15 mg/kg ) oppure placebo come infusione endovenosa per 1 ora ogni 2 settimane per 46 settimane, seguito da valutazioni alla settimana 48 e alla settimana 60.

L'esito primario era rappresentato da una analisi congiunta di funzionalità ( ALS Functional Rating Scale-Revised ) e sopravvivenza globale, analizzate a 48 settimane in tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno una dose di farmaco in studio.

Tra il 2012 e il 2013 sono stati reclutati 307 pazienti, di cui 303 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere placebo ( n=151 ) o Ozanezumab ( n=152 ).
La media corretta del punteggio congiunto era -14.9 per il gruppo di Ozanezumab e 15.0 ( 13.6 ) per il gruppo placebo, con una differenza dei minimi quadrati medi di -30.0 ( P=0.12 ).

Nel complesso, gli eventi avversi riportati, gli eventi avversi gravi e gli eventi avversi che hanno portato alla sospensione permanente del farmaco in studio o al ritiro dallo studio sono stati simili tra i gruppi di trattamento, ad eccezione della dispepsia ( 10, 7%, nel gruppo Ozanezumab vs 4, 3%, nel gruppo placebo ), depressione ( 11, 7%, vs 5, 3% ) e diarrea ( 25, 16%, vs 12, 8% ).

L'insufficienza respiratoria era il più comune evento avverso grave ( 12, 8%, vs 7, 5% ).

Alla settimana 60, il numero di decessi era maggiore nel gruppo Ozanezumab ( 20, 13% ) rispetto al gruppo placebo ( 16, 11% ), principalmente a seguito di insufficienza respiratoria ( 10, 7%, vs 5, 3% ).
Due decessi sono stati considerati correlati al farmaco in studio ( carcinoma transizionale della vescica nel gruppo Ozanezumab ed evento cerebrovascolare nel gruppo placebo ).

Ozanezumab non ha mostrato efficacia rispetto al placebo nei pazienti con sclerosi laterale amiotrofica.
Pertanto, Nogo-A non sembra essere un obiettivo terapeutico efficace nella sclerosi laterale amiotrofica. ( Xagena2017 )

Meininger V et al, Lancet Neurology 2017; 16: 208-216

Neuro2017 Farma2017


Indietro