Tumori testa-collo
XXIII World Congress of Neurology
Amsterdam congress

Preoccupazioni per l’esito della gravidanza dopo esposizione materna a Pregabalin


È stato valutato l'esito della gravidanza in seguito all'uso materno di Pregabalin ( Lyrica ) in uno studio multicentrico, osservazionale, prospettico di coorte, che ha confrontato l'esito della gravidanza in donne esposte a Pregabalin con quello di controlli appaiati non-esposti a tutti i farmaci noti per essere teratogeni o a eventuali farmaci antiepilettici.

I dati sono stati raccolti da 164 gravidanze esposte e 656 controlli.

Un tasso di importanti difetti alla nascita significativamente più alto nel gruppo Pregabalin è stato osservato dopo l'esclusione delle sindromi di aberrazione cromosomica, e quando i casi con esposizione durante il primo trimestre di gravidanza sono stati analizzati separatamente ( 7/116, 6.0% vs 12/580, 2.1%; odds ratio, OR=3.0, P=0.03 ).

Il tasso di nati vivi è stato più basso nel gruppo Pregabalin ( 71.9% vs 85.2%, P minore di 0.001 ), dovuto principalmente a un più alto tasso di interruzione della gravidanza elettiva ( 9.8% vs 5.0%, P=0.02 ) e medicalmente indicata ( 5.5% vs 1.8%, P=0.008 ).

L'esposizione a Pregabalin non è stata associata a un rischio significativamente più elevato di aborto spontaneo.

In conclusione, lo studio ha dimostrato un segnale per l’aumento del rischio di difetti maggiori alla nascita dopo l’esposizione nel primo trimestre a Pregabalin.
Tuttavia, alcune limitazioni, come la piccola dimensione del campione, le differenze tra gruppi nelle condizioni materne e l'esposizione a farmaci concomitanti escludono conclusioni definitive, per cui questi risultati richiedono conferma attraverso studi indipendenti. ( Xagena2016 )

Winterfeld U et al, Neurology 2016; 86: 2251-2257

Neuro2016 Gyne2016 Farma2016


Indietro