XXIII World Congress of Neurology
Tumori testa-collo
XVII Congresso Nazionale SIRN
Amsterdam congress

L'Aspirina assunta subito dopo un TIA riduce il rischio di ictus grave


La terapia immediata con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) dopo un TIA ( attacco ischemico transitorio ) riduce il rischio di recidiva precoce.

Il rischio di una forma grave di ictus è molto alto subito dopo un TIA o un ictus minore ( circa 1.000 volte superiore al tasso background ), ma solo per pochi giorni.

Lo studio EXPRESS aveva dimostrato che il trattamento medico urgente con un cocktail di diversi farmaci potrebbe ridurre il rischio di ictus a 1 settimana dal 10% a circa il 2%, ma non era noto quale fosse l’elemento chiave.

E’ stata condotta una analisi combinata dei dati dei pazienti da 12 studi ( 15.778 persone ) che hanno studiato l'uso di Aspirina nella prevenzione secondaria a lungo termine e di tre studi sull'uso di Aspirina nel trattamento dell'ictus acuto.
In totale gli studi hanno riguardato circa 40.000 persone.

La maggior parte del beneficio dell'Aspirina nel ridurre il rischio di un altro ictus è avvenuto nelle prime settimane.
Negli 11 studi in cui l’Aspirina da sola è stata confrontata con il controllo, l'Aspirina ha ridotto il rischio a 6 settimane dell'ictus ischemico ( hazard ratio, HR=0.41; IC 95%, 0.3-0.56 ).
L’aggiunta di dati da altri tre studi che hanno confrontato l'Aspirina più Dipiridamolo versus nessuna Aspirina non ha modificato il beneficio ( HR=0.42; IC 95%, 0.32-0.55 ).

L'Aspirina ha anche avuto un effetto sulla gravità dell’ictus ischemico ricorrente, riducendo il rischio a 6 settimane di disabilità o ictus fatale ( scala di Rankin modificata punteggio maggiore di 2; HR = 0.29; IC 95%, 0.19-0.46 ) e il rischio di ictus molto grave ( punteggio alla scala Rankin modificata, 4-6 ) di circa il 75% ( HR = 0.25; IC 95%, 0.16-0.39 ).

Tuttavia, l'Aspirina ha avuto un minore effetto sull’ictus senza disabilità ( HR=0.64; IC 95%, 0.44-0.93 ).

Non sono stati osservati benefici evidenti dopo 12 settimane di follow-up.

Al contrario, i ricercatori hanno scoperto che rispetto alla sola Aspirina, il Dipiridamolo più Aspirina non ha influenzato il rischio per la gravità dell’ictus ischemico ricorrente a 12 settimane ( OR per il rischio di ictus = 0.97; IC 95%, 0.84-1.12; OR per lo spostamento della scala Rankin modificata = 0.9; IC 95%, 0.37-1.72 ), anche se dopo 12 settimane, il Dipiridamolo è risultato associato a un rischio ridotto per l'ictus ischemico ricorrente ( OR=0.76; IC 95%, 0.63-0.92 ) e di ictus ischemico fatale o invalidante ( OR=0.64; IC 95% 0.49-0.84 ).

Dallo studio è emerso che il trattamento immediato con Aspirina può ridurre notevolmente il rischio e la gravità di recidiva precoce.
Questa scoperta ha implicazioni per i medici, che dovrebbero somministrare immediatamente l'Aspirina in caso di sospetto di un TIA o di un ictus minore, piuttosto che attendere la valutazione specialistica. ( Xagena2016 )

Fonte: The Lancet, 2016

Neuro2016 Farma2016


Indietro