Tumori testa-collo
Amsterdam congress
XVII Congresso Nazionale SIRN
XXIII World Congress of Neurology

Diclorfenamide nella paralisi periodica


Sono stati determinati gli effetti a breve termine e a lungo termine della Diclorfenamide sulla frequenza degli attacchi e sulla qualità di vita nella paralisi periodica iperkaliemica ( HYP ) e ipokaliemica ( HOP ).

Sono stati eseguiti 2 studi randomizzati, in doppio cieco, controllati con placebo, della durata di 9 settimane ( evidenza di classe I ) seguita da una fase di estensione di 1 anno in cui tutti i partecipanti hanno ricevuto Diclorfenamide.
Hanno partecipato 44 pazienti con paralisi periodica ipokaliemica e 21 con paralisi periodica iperkaliemica.

La variabile di esito primario era il numero medio di attacchi per settimana per le ultime 8 settimane della fase in doppio cieco.

Il tasso di attacchi mediano è stato inferiore nei partecipanti HOP trattati con Diclorfenamide rispetto ai partecipanti trattati con placebo ( 0.3 vs 2.4, P=0.02 ).

Anche la variazione media a 9 settimane nel punteggio delle componenti fisiche Short Form-36 è stata migliore nei partecipanti HOP trattati con Diclorfenamide ( effetto del trattamento: 7.29 punti, P=0.006 ).

Il tasso medio di attacchi è stato inferiore nei partecipanti HYP trattati con Diclorfenamide ( 0.9 vs 4.8 ) rispetto ai partecipanti trattati con placebo, ma la differenza nel tasso di attacchi mediana non è stata significativa ( P=0.10 ).

Non ci sono stati effetti significativi della Diclorfenamide sulla forza muscolare o sulla massa muscolare in entrambi gli studi.

Gli eventi avversi più comuni in entrambi gli studi sono stati parestesia ( 47% Diclorfenamide vs 14% placebo, entrambi gli studi combinati ) e confusione ( 19% Diclorfenamide vs 7% placebo, entrambi gli studi combinati ).

In conclusione, la Diclorfenamide è risultata efficace nel ridurre la frequenza degli attacchi, è sicura e migliora la qualità di vita nella paralisi periodica HOP.
Questi studi hanno fornito evidenze di classe I che la Diclorfenamide riduce in modo significativo la frequenza degli attacchi nei pazienti HOP, ma manca la precisione per supportare l'efficacia o la mancanza di efficacia della Diclorfenamide nei pazienti HYP. ( Xagena2016 )

Sansone VA et al, Neurology 2016; 86: 1408-1416

Neuro2016 Farma2016


Indietro